Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Melomane 'Glaciers'

(Vermillion/Seahorse 2006)

I Melomane sono un collettivo americano, attivo dal 1998 e di stanza a Brooklin, dedito ad un pop barocco, caratterizzato da strutture dal sapore arty e da un andamento cinematico, che mescola spunti sonori che vanno dalla classica al grunge. Leader della line-up è Pierre de Gaillande (chitarra e voce), coadiuvato, in questo "Glaciers", terzo lavoro della band, da una selva di musicisti, tra i quali spiccano Quentin Jennings al wurlitzer e alle tastiere, Daria Grace al basso, Kenny Savelson alla batteria e Frank Heer al cello e all’armonica.
"Glaciers" si compone di 11 tracce (nove delle quali scritte da Gaillande e le restanti da Jennings), ibrido non sempre perfettamente riuscito di generi e spunti sonori disparati. Prendiamo, ad esempio, la traccia di apertura, Hilarious, in cui, su un tappeto ritmico a tratti sfuggente, si incontrano un arpeggio acustico di stampo folk ed un finale che mescola chitarra elettrica (pop-grunge?) e sinth; o ancora Pistolla di Colla, che ha un aroma brit, ma mescola i Pulp di Common People con la citazione del tema del coppoliano "Il Padrino". Unfriendly Skies occhieggia agli anni ’60 con una sensibilità decisamente moderna, che fa venire in mente a tratti i Libertines; This Is Skyhorse, invece, dapprima fa il verso a Bizet in chiave grunge, poi si rimangia tutto mettendo in piedi una jam blues-rock, con tanto di armonica e riferimenti al sound dei tardi anni ’60, Led Zeppelin e Doors in primis. La conclusiva Kill Kill Kill ha un andamento minaccioso (come si conviene ad un brano con un simile titolo), frutto dell’incontro tra elettronica e rock.
A leggere, sembrerebbe tutto a posto: influenze diverse, citazionismo, coraggio, strutture articolate. Ma non è tutto oro quello che fa luce. Il disco, infatti, soffre di un grave problema: non ha un anima. Difficile, una volta spento il lettore CD, che rimanga in mente anche uno solo dei brani appena ascoltati. Le acrobazie compositive o di arrangiamento, per quanto interessanti, attraversano l’ascoltatore come un fantasma le pareti e non lasciano tracce. Un disco così non può neppure candidarsi ad essere definito "grande". Neanche mediocre, però: perché le idee ci sono (anche troppe, forse), ed alcune sono davvero ottime. Voto sufficiente, dunque, ma che peccato…

Aggiunto: October 30th 2006
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Melomane Home Page
Hits: 785
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest