Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Joule 'L'era dell'ottimismo'

(Asbestos City 2006)

Ritornano i Joule da Casale Monferrato, stavolta sulla lunga distanza con quest'album intitolato "L'era dell'ottimismo", dichiaratamente ispirato a "Non al denaro non all'amore nè al cielo" di De Andrè: dieci ritratti di personaggi dediti a mestieri a volte comuni a volte particolari, densi di metafore che cercano di riassumere virtù, vizi, sentimenti e stati d'animo dell'uomo moderno.
Da un punto di vista musicale è evidente un perfetto equilibrio tra rock di matrice americana e tradizione cantautorale nostrana, con frequenti incursioni di ritmi in levare e un pizzico di eighties: potenza e morbidezza, eleganza e ruvidezza sono amalgamati a regola d'arte, grazie anche agli ottimi arrangiamenti e a una produzione efficace; protagonisti rimangono i testi, marchio di fabbrica che contraddistingue i Joule sin dal primo ascolto, certo non sempre efficaci ma comunque mai banali.
Tra gli episodi migliori l'iniziale Il Funambolo, sound corposo e stacchi stupendi, specie nel finale, Il Matematico, lineare e semplice ma esemplare in quanto a inventiva testuale, e La Prostituta, una buona ballata tranquilla e malinconica; incuriosisce il mix di ska, valzer e punk rock di L'Adultero, esperimento interessante ma non perfettamente riuscito.
Parecchi però gli episodi che sembrano densi di metafore in maniera forzata, come se seguissero un copione ben strutturato e programmato, il tutto a scapito di naturalezza e sincerità: sensazione che emerge con Il Sarto e Il Becchino e tende a farsi certezza con Il Corridore dei 3000 Siepi e L'Uomo Puntuale (ottima all'inizio ma che tende a perdersi nel finale); stesso discorso anche per il lato strumentale, con l'alternanza tra quiete strofe dense di ritmi ska e ritornelli più o meno spinti che col passare dei minuti e dei brani tende a farsi maniera, ne è prova il brano conclusivo che dà il titolo al disco.
Probabilmente, concentrati sull'idea del concept album, per realizzare il quale è fondamentale tenere sempre a mente un'idea centrale, i Joule hanno dato vita ad un album fin troppo poco variegato, che tende a ripercorrere gli stessi binari, una raccolta di variazioni sul tema molte delle quali però equivalenti tra di loro.
Un disco non pienamente riuscito ma comunque forte di spunti interessanti e di qualche ottimo brano, a testimonianza, ancora una volta, di una capacità di scrittura di certo superiore alla media.

Aggiunto: January 9th 2007
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: JOULE
Hits: 1235
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest