Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA.VV. 'Songs For Another Place'

(Awfull Bliss - Urtovox/Audioglobe 2006)

E’ che tante volte ci si dimentica del disco come aggolmerato e specchio di una determinata cultura, sintesi qualsivoglia perfetta o non degli umori sociali che imperversano nel mondo dell’arte. Ci si dimentica fin troppe volte (e questo giustificherebbe teoricamente gran parte del sentimento di esterofilia che smuove l’ascoltatore italiano) che la musica è prodotto di una cultura ben definita, la stessa cultura che muove le composizioni del primo dei due dischi contenuti nella compilation ‘Songs For Another Place’ il collaborazione con Urtovox e Awfull Bliss: sarà forse per questo che la musica contenuta risulta stilisticamente perfetta, a fuoco con una certa estetica indie-folk-intima che gli States porta avanti ormai da chissà da quanto (e potremmo rintracciarne le radici molti decenni orsono, ormai). Venti pezzi che scivolano via tra umori inquieti, polvere, stratificazioni elettriche nervose, manierismo di scuola Will Oldham, Beatles e cantautorato più (The Strugglers, Barzin, Phosphorescent) o meno (Swearing At Motorist, molto meno) riuscito che dano all’ascoltatore in quadro abbastanza completo di quella che sia la scuola cantautoriale americana e quali siano le sue radici storiche. L’Italia invece tante volte se lo dimentica completamente (Prague, Song For Ulan, Satellite Inn). Ma non si demonizzi: per quanto si voglia far credere che l’Italia sia fedelmente ancorata a modelli esteri (che oddio, non è che sia tutta questa gran falsità, eh) il suono non manca di avere in sé della personalità rintracciabile in molti casi (che alcuni scambiano per il non essere all’altezza, quasi come certi artisti fossero solo un plagio) nel pop e rock italiano (Gea, Rosolina Mar), in certe derive cantautoriali e in testi decisamente sopra la media e pertinenti ad una visione nazionale della cosa (in questo caso Cesare Basile docet). In fin dei conti questa compilation fotografa un quadro sonoro forse statico, ma immerso in liquidi amniotici da cui difficilmente emergerete illesi.

Aggiunto: December 18th 2006
Recensore: Giorgio Pace
Voto:
Link Correlati: Urtovox
Hits: 815
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest