Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Brassum ‘Live’

(Pfmentum 2006)

I Brassum del compositore e tubista Mark Weaver sono una gran bella (gradita) sorpresa. Quartetto ripreso dal vivo durante tre concerti americani a cavallo fra il 2004 e 2005, i Brassum si fanno da subito apprezzare per il loro approccio svagato e giocherellone alla materia sonora; atteggiamento salutare accolto con grande piacere vista la quantità impressionante di palloni gonfiati sparsi in giro per il mondo a combinare danni. Della partita oltre allo stesso Weaver (logicamente alla tuba) sono: Michael Vlatkovich (trombone), Harris Eisenstadt (propulsione ritmica fantasiosa) e Dan Clucas (corno). Bel gruppo di fiati imbizzarriti, un pelo Sun Ra ed un pelo Liberation Music Orchestra, una serie di rimandi leggeri come soffio che, fra girotondi blues e stacchi più propriamente jazz, si innervano di siparietti vari e dilettevoli costantemente in bilico fra stravaganti fughe di tuba solista (ovviamente) e digressioni rampicanti in odor di klezmer, nessuna direzione programmata ed un unico scopo perseguito; creare musica leggera ed impalpabile con dilettevole raziocinio. Scopo raggiunto si direbbe ad un primo ascolto (ed anche il secondo avvalora questa tesi...). Marcette stranianti da big band screziata di blues, diluizioni fiatistiche gassose, rotolanti siparietti percussivi intrisi di dolenti sfiatature al limite di un esotismo realmente diverso (accenni latini?). Una bellezza rinfrescante! The Meaning Of The Word/Shades Of Grey è di una semplicità apparente ammirevole, docile, planante e leggibile; una scrittura affascinante e carica di suggestioni fortemente cinematografiche. Mi ripeto; una bellezza! Movimenti d'insieme fortemente suadenti che tentano di mimetizzarsi in un pachidermico accenno di danza. Ora però esigiamo un lavoro registrato in studio! Consigliato anche a chi non ha dimestichezza con certi suoni.

Aggiunto: October 2nd 2006
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.pfmentum.com
Hits: 861
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest