Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dog Fashion Disco 'Anarchists Of Good Taste'

New Metal (o Nu-metal)…
Una di quelle parole che ti fanno venire in mente quei gruppetti imbecilli che tentano di fare i cattivi e intanto vendono copie su copie. Il che ovviamente è una grande contraddizione, visto che da che mondo è mondo, certa musica alternativa non può avere troppo successo di pubblico. Perciò è chiaro che uno riflette quando vede certi gruppi “cattivi” trasmessi su MTV, saranno veramente così oppure è una grande farsa? La risposta mi sembra ovvia.
Finita la stupida introduzione, i Dog Fashion Disco rientrano anche loro nell’ondata new metal, ma non ne sono affatto orgogliosi. Come fare quindi per darsi un tono e fare qualcosa di nuovo? Beh, in questo primo album mischiano diversi generi musicali e mettono giù una serie di canzoni che vanno al di là della normale concezione di new metal. Quindi dalla psichedelia rabbiosa di 9 To 5 At The Morgue (in cui c’è anche un assolo di flauto) all’esotismo di Headless, alla follia modello “Elio e Le Storie Tese” di Vertigo Motel fino a pezzi più classici come Corpse Is A Corpse e Cartoon Autopsy.
I titoli suonano certamente strani e così pure i testi che tentando di evadere dai clichè, descrivendo la terribile giornata del guardiano di un obitorio o proponendo perversioni scatologiche miste alle solite paure futuriste. Con l’ausilio di strumenti come violini, sassofoni, organi, pianoforti, le canzoni diventano una strana cavalcata fra gli umori più diversi e i soprendenti cambi di ritmo gestiti molto bene dal batterista. Il gruppo se la cava quindi bene, stancando raramente e tenendo l’attenzione sempre su livelli discreti.
L’unico nodo che rimane da sciogliere è se i DFD facciano veramente questo “new metal progressive” o semplicemente si divertano a mischiare tutto quanto in cerca di qualcosa di nuovo. Ai posteri l’ardua sentenza, le premesse per qualcosa di buono ci sono comunque tutte. Da segnalare la presenza del simpatico Serj Tarkian (leader dei System Of A Down) che canta il ritornello di Mushroom Cult, che vorrà dire…?

Aggiunto: April 21st 2002
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage della band
Hits: 1122
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest