Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kokoro Mayikibo ‘S/t’

(Mila Records 2006)

Kathodik ha già avuto il piacere di incontrare Accursio Graffeo e Andrea Reali (2/4 del progetto Kokoro Mayikibo) occupandosi dei Nippon & the Symbol; a parte la passione evidente per il Giappone, i gruppi rappresentano aspetti molto diversi della personalità dei due (notevoli) musicisti di area milanese, vicini per affinità ed attitudini a realtà coeve come Uncode Duello e Bron Y Aur.
In questo CD omonimo Reali – alla voce e al sassofono – e Graffeo – alla chitarra (brutale, intelligentemente distorta) e ai controcanti psicopatici – si confrontano con un “rock” fortemente asciugato e stilizzato (l’insistenza accanita dei fraseggi di Accursio e del bassista/chitarrista Alfonso Celentano: ad esempio nell’incipit di Wait o in Oblique Wounds), reso particolare da influenze “black” (l’approccio vocale rauco di Andrea, alcune scansioni ritmiche: Why Don’t You?) decise ma debitamente candeggiate. Il suono che risulta dalla succitata addizione è notevolmente “secco” – in particolare la batteria di Luca Mauri – anche per merito della registrazione di Luca Mentasti; pare di ascoltare una versione desertificata dei Clock DVA di “Thirst”, senza troppe divagazioni “free” (qui rappresentate solo da essenziali, incisivi inserti di sax: Sweet Song, The 10th Victim) o influenze “wave”.
In fondo, quello che interessa ai Kokoro Mayikibo è la “materia rock”, come dimostra l’iniziale, potente Party Danger o l’impatto immediato di Spider. Per chi non ama i fronzoli, ma ambisce alla sostanza.

Visitate anche il sito dell’etichetta: Milarecords

Aggiunto: September 9th 2006
Recensore:
Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Sito del gruppo
Hits: 774
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest