Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


In Deepest Decline ‘Dirty Blood Hands’

(Autoproduzione 2006)

Non mi emozionavo così tanto ascoltando qualcosa di metal-core (o come lo chiamavano agli inizi: evil-core, definizione che ho sempre preferito) dai tempi dell’EP degli Overcast: “Begging for Indifference (a proposito stanno tornando). Se poi penso che tale musica proviene da non molto lontano casa mia, la cosa mi entusiasma ancora di più.
Sto parlando dei riminesi In Deepest Decline (nati come cover-band di Metallica e Pantera): quattro ragazzi al debutto con “Dirty Blood Hands”, EP autoprodotto di 4 brani che, per quanto mi riguarda, li proietta direttamente nel “gotha” hc metallico nazionale con The Secret, Inferno e tutta la crema insomma.
“Dirty Blood Hands” rappresenta un mini-capolavoro di metalcore con l’ago della bilancia a pendere più dalla parte del metallo (death e black soprattutto) che da quella dell’hc (da cui però vengono presi vari “stilemi” come i tempi iperveloci di batteria e i caratteristici rallentamenti).
Sin dall’iniziale Where’s Paradise? (il “biglietto da visita” del gruppo: potenza, metallo, velocità, fiamme) sino all’ultima Impassive Statues (la più cyber del lotto: Fear Factory VS Black Metal), non si può far altro che stupire per la maturità e l’efficacia di questi pezzi e di questo suono. Un suono cupo, disperato, maligno, supportato: dalle urla infernali di Luca, da una sezione ritmica impressionante (Ciko alla batteria e Ivan al basso) e dai riffs chirurgici e acuminati delle chitarre-asce di Jackie e del nuovo entrato Commo (ex I Believe in) che forgiano una materia incandescente e abrasiva, ora lasciandola fluire dinamicamente, ora cadenzandola con secche e maestose bordate dall’imponenza epica.
E’ difficile rendere “in prosa” l’efficacia del suono degli IDD per cui il consiglio è di procurarsi l’EP o di andare al loro spazio: www.myspace.com/indeepestdecline .
Scoprirete forse che colarsi piombo fuso nelle orecchie è una pratica che può recare gioia.

PS
Se tutte le cover band di Metallica e Pantera avessero una simile evoluzione…

Aggiunto: September 14th 2006
Recensore: Accorsi Diego
Voto:
Link Correlati: www.myspace.com/indeepestdecline
Hits: 935
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest