Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


L'altra 'In the Afternoon'

(Aesthetics 2002)

Dopo "Music of a sinking occasion", tornano i chicagoani L'altra con "In the afternoon". Un disco che, come il precedente, parte dalla scena post-rock e arriva in territori folk e slo-core, ricordando nell'uso della doppia voce maschile-femminile i Low e lasciando grande spazio a ricordi, sentimenti, emozioni. E' un suono semplice quello proposto dai L'altra, che però arricchisce l'innata leggerezza delle canzoni lavorando per addizione, attraverso una serie di collaborazioni che contribuiscono a perfezionare un disco già validissimo dal punto di vista compostivo. "In the afternoon" vede infatti impegnati musicisti come Fred Lonberg-Holm (Flying Luttenbachers e alcuni lavori jazz in proprio), Robert Cruz (Sinister Luck Ensemble), Charles Kim (Pinetop Seven, Boxhead Ensemble), Todd Matei (Joan of Arc), Joe Grimm (33.3) e Marc Hellner (Pulseprogramming). Il loro contributo si aggiunge al lavoro dei quattro membri del gruppo, formatosi nel 1997, cioè Eben English, Joseph Costa, Lindsay Anderson e Ken Dyber. Quest'ultimo, in particolare, è il proprietario della Aesthetics, che ha fatto uscire il disco e che pubblica anche i lavori degli Hood (negli Usa), Daniel Givens, Pulseprogramming, 33.3, Windsor for the Derby e molti altri ancora. Dopo "In the afternoon" Dyber si è trasferito da Chicago a Portland e ha lasciato (amichevolmente) il gruppo, ma non certo l'Aesthetics, che prosegue sempre con interessanti progetti. Tornando al disco, il livello è chiaro già dalle note di Soft Connection, duetto fra le voci di Joseph e Lindsay. Certainty aggiunge un tocco folk, quasi darkeggiante alla maniera dei dischi 4AD, mentre l'orecchiabile Black Arrow sarebbe un singolo perfetto se non durasse più di sei minuti. E tutto il disco prosegue su questo livello, con Broken Mouths, scandita dal piano, che rappresenta il momento più alto dell'intero lavoro, chiuso dalla classicheggiante Goodbye Music, che rimanda già a un prossimo disco. Speriamo altrettanto bello.

Aggiunto: August 9th 2002
Recensore: Gabriele Di Fazio
Voto:
Link Correlati: Il sito della Aesthetics
Hits: 1202
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest