Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


And You Will Know Us By The Trail Of Dead - 'Source Codes & Tags'

No, per carità, cominciare sta recensione con la solita terribile presa in giro del nome della band è una tale banalità… piuttosto partiamo dalle cose serie: dalla loro musica. I Trail Of Dead fanno indie, con qualche spruzzatina di emo e hardcore; ma lo suonano come se stessero eseguendo la nona di Beethoven, non certo per divertirsi, e si sente. Il risultato di questo terzo album è stato sicuramente un gran lavoro a tavolino che ha reso le canzoni di una qualità diversa (non maggiore attenzione) rispetto al passato.
Il loro stile è inconfondibile: con i loro testi arrabbiati e poetici e la musica spesso veloce ed incendiaria, grazie soprattutto ad un lavoro ritmico di prim’ordine. Però stavolta gli AYWKUBTTOD si sono concentrati maggiormente sugli arrangiamenti, lasciandosi spesso aiutare da violini e pianoforti che rendono l’esperienza ancora più profonda. La differenza sostanziale rispetto agli album precedenti è proprio questa: le canzoni non rimangono impresse al primo ascolto, ma si rivelano a poco a poco. “Source Codes & Tags” ha bisogno di tempo, studio ed attenzione; solo con un’adeguata apertura mentale il potenziale del cd viene fuori al massimo. Dalla stupenda intro di “Invocation” , alle prime note di “It Was There That I Saw You” e “Another Morning Stoner” , fino alle stupende “Baudelaire” , “How Near, How Far” e “Source Codes & Tags” .
Posso tranquillamente affermare che è uno degli album indie più belli che ho ascoltato, emozionante ed impegnativo allo stesso tempo. C’è solo da sperare che i Trail of Dead continuino a fare musica di questa qualità, nient’altro veramente. (Per gli appassionati: il cd è in mio possesso è un’edizione speciale con una traccia bonus finale infuriata: “Blood Rites” )

Aggiunto: May 26th 2002
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage band
Hits: 1187
Lingua: arabic

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest