Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Beirut 'Gulag Orkestar'

(Ba Da Bing! Records/Goodfellas 2006)

Sono convinto che certe “cose” le hai dentro fin dalla nascita, (se non da prima), ed è innegabile ascoltando Beirut;
certe altre, invece, le apprendi giorno dopo giorno ed in questo processo l’habitat, così mi hanno insegnato, sicuramente ti influenza ed indirizza, ed anche questo è innegabile ascoltando Beirut;
basterà tutto ciò a spiegare che “Gulag Orkestar” è un capolavoro della musica dell’Est Europa suonato da un ragazzo americano del New Mexico di diciannove anni?!? Il mistero rimane.
La certezza Zach Condon entra nel cuore di una terra disagiata e ne porta fuori le meraviglie della sua tradizione fanfaresca grazie ad una interpretazione commossa, carica umanamente, ed ad una voce nostalgia e struggente (sembra di sentir cantar un nuovo Devendra Banhart).
Come un reporter televisivo Zach ti addentra nei suoni dei Balcani, tanto cari ad un Kusturica, e magicamente ti ritrovi in coda ad una marcia stanca con i dong dei piatti a scandire il passo dell’orchestra che ti precede.

Aggiunto: September 4th 2006
Recensore: Emanuele Carbini
Voto:
Link Correlati: www.beirutband.com
Hits: 984
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest