Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Stephen Flinn/Noah Phillips/Tim Perkins 'Square Circle'

(Pax Recordings 2006)


È sempre un piacere poter scrivere di un lavoro partorito dalla Pax Recordings, funambolica label di San Francisco, poco avvezza a fornire certezze musicali ma prodiga nell'offrire materiali sonori sempre diversi, non legati a nessun trend preciso, uniti da un filo logico inesistente ma caratterizzati da una indiscussa qualità creativa. Stephen Flinn alla batteria e percussioni variamente assortite, Noah Phillips alla chitarra e l'occasionale intervento alle electronics di Tim Perkins, per 15 tracce di musica improvvisata a metà strada tra ardite ipotesi jazz e derive elettroacustiche condotte con piglio avventuroso ma anche elegante e sofisticato. A dispetto delle attività strumentali a tratti anche frenetiche il feeling è molto dimesso, sornione, impregnato di sonnambulismo e di una strana forma di malinconia, di forme blues industriali che permettono di godere della musica a vari livelli di attenzione: scenari acustici che sembrano un eterno e sognante soundcheck dai quali si entra e si esce a piacimento, sicuri di trovare sempre dettagli ancora inesplorati. Tutto verge sugli incessanti dialoghi di chitarra e percussioni, lunghe argomentazioni attorno al nulla, tesi e supposizioni condotte seguendo territori sconnessi e accidentati, labirinti mentali nei quali nessun filo d'Arianna può essere d'aiuto nel trovare la via d'uscita. Grande uso di feedback scostante e altero, fratturato e dissonante per la chitarra Phillips, che non rinuncia a brevissime incursioni in territori più morbidi, dove aleggia lo stesso spettro blues del Taku Sugimoto di “Opposite”, mentre Flinn si esibisce in un variegato repertorio che spazia da suoni stile cianfrusaglie del ferrovecchi a improvvise eruzioni sui piatti e sulle pelli. Ovviamente bisogna menzionare anche il lavoro di Perkins, apparentemente in disparte ma che non manca di segnare con discrezione alcuni momenti del disco, come negli effetti sottilmente sci-fi che appaiono filiformi nella lunga, e bellissima, Turk. Semplicemente ottimo.

Aggiunto: September 2nd 2006
Recensore: alfio castorina
Voto:
Link Correlati: Pax Recordings
Hits: 1954
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest