Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lisa Germano ‘In The Maybe World’

(Young God Records/Goodfellas 2006)

Non ringrazieremo mai abbastanza Lisa per gli OP8 di qualche anno fa, side-project realizzato insieme ad Howe Gelb e Calexico.
In questo nuovo disco non c’è traccia di quel folk “sabbioso”, ma non significa che “In The Maybe World” non sia un altro buon disco per la cantautrice dell’Indiana. Lisa si è fatta e continua a farsi apprezzare per la sua cifra stilistica eterea e raffinata che pare ora assestarsi su un cantautorato rigorosissimo, quasi da camera, ma pregno allo stesso tempo di pathos. Le sue composizioni leggiadre sembrano vivere di un limpido equilibrio classico che giunge a lambire il puro formalismo senza mai toccarlo davvero. Incredibile Red thread (dove quel “fuck you” non è sembrata mai una parola così soave), ma anche le esili elegie di Except for the ghosts e Too much space, brillano di uno spessore non comune a tutti.
Meglio dell’ultima Isobell Campbell.

Aggiunto: July 15th 2006
Recensore: Paolo Scortichini
Voto:
Link Correlati: goodfellas
Hits: 812
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest