Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Cesare Basile 'Hellequin Song'

(Mescal/Sony 2006)

Cesare Basile è un grande cantautore. Meglio giungere immediatamentea al succo della questione almeno evitiamo inutili fronzoli e giri di parole. Cesare Basile è un musicista che ha gli strumenti adatti per raccontare storie, per fare in modo che gli altri, chiunque, si fermi ad ascoltare e riascoltare. Come è capitato allo scrivente che si è fermato, inizialmente non volendo quasi obbligato da doveri recensori ad ascoltare per stilare una recensione come di dovere. Ma che poi si è messo comodo a riascoltare, un’altra volta ancora oltre alle canoniche, e ancora. Fino a giungere a questa semplice conclusione. Che, ripeto, Cesare Basile è un grande umile sincero cantautore. Che prove ho per avallare la mia tesi? Questo album ‘Hallequin Song’ e a caso alcune canzoni o poesie in musica. Dal cranio, la traccia iniziale, un roots blues miscelato con salsa agrodolce, Finito Questo, delicata amara riflessione sulla colpa; ancora Fratello Gentile con Manuel Agnelli altra voce sanguigna di accompagnamento, nevrotico blues, filo di ragnatela acustica che avvolge il disco, e ancora, non ne viene saltato uno di brano, si segue la rigorosa lista perché non è possibile saltarne qualcuno, ognuno costituisce un tassello della ricerca della imperfetta blues song. Continuiamo: Odd Man Blues con Hugo Race come ospite, desolato rock stralunato di superficie aliena, Il deserto sbilenco e ubriaco walzer di malinconica e agrodolce bellezza. E ancora, Dite al Corvo che va tutto bene, sgangherato folk/pop con John Parish al bajo che muove i fili delle marionette che ballano sorridenti. Conclusione: cercatelo.

Aggiunto: August 15th 2006
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Mescal
Hits: 821
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest