Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Marcos Fernandes / Hans Fjellestad / Haco / Jakob Riis ‘Haco Hans Jakob Marcos’

(Accretions 2006)

Caotico ed aggressivo; contemplativo e minimale.
Nel calderone dei possibili incroci stilistici contemporanei non possiamo fare a meno di notare come, certa impro-avant illuminata stia scivolando sempre più verso territori brutisti di nevrotico taglio industrial.
Una carica aggressiva che pare ripudiare (in parte) le mollezze autoreferenziali di un genere spesso unico asilo per esecutori tecnicamente mirabili senza lo straccio di un'idea.
Che l'esterno globale influenzi la fase creativa non è un male se i risultati sono tali, un'impressione generale diffusa di forte malessere.
Ci è capitato di riscontrarne i segni in lavori come l'ultimo di Emily Hay (in condivisione con Marcos Fernandes), negli sferragliamenti stridenti del duo Studer / Yoshida; nelle cacofoniche (leggi apocalittiche) nubi sonore create dal duo Kaiser / Pask.
Un processo di incupimento espressivo che non può esser che salutato con piacere in virtù dell'atteggiamento hardcore (oltre il limite) che si porta dietro ma; in contemporanea può suscitare più di una genuina perplessità questo confronto con masse stridenti in movimento.
Quattro musicisti provenienti da varie zone del mondo che si ritrovano in uno studio di Tijuana, Haco dal Giappone, Hans Fjellestad dalla California, Jakob Riis dalla Danimarca e Marcos Fernandes nel ruolo del perfetto meticcio (nato in Giappone e residente in quel di San Diego).
Ognuno di loro è un'agitato agitatore, la piccola Haco in molti se la ricorderanno per i suoi trascorsi negli After Dinner, Marcos è uno dei fondatori del collettivo artistico (tenete sempre d'occhio le produzioni che vi propinano) californiano Trummerflora, Hans è un musicista girovago nonchè apprezzato filmmaker e buon'ultimo Jacob; stimato compositore ed improvvisatore.
Il cd in questione non scivola via semplice, diciamo che ti si avvinghia alle caviglie e cerca di non mollar la presa testardo.
Sornione apre giocherellando col ritmo, uno pensa subito di trovarsi al cospetto di una simpatica operina estiva defatigante; grave errore!
Giocando sulle limitazioni (i diversi idiomi parlati fra i musicisti, limitazioni strumentali ed esecutive impostesi) il quartetto si pone sulla scia rugginosa delle prime sperimentazioni di TG e Cabaret Voltaire (giuro che non sono impazzito!).
In genere si viaggia a vista fra modulazioni elettroniche secche e dissonanti, spasmi percussivi e vocalizzi post umani; un impasto caotico ricco di ipnotico fascino sotterraneo.
Speak
è un gemito implorante singhiozzato ritualisticamente.
Last apparentemente qualcosa concede, nella sua propulsione quasi gamelan pare indicare un possibile percorso futuro.
Zone d'ombra rugginose alternate a fasi ottundenti.
Ottimo per comprendere le mutazioni attuali in corso.
Concedetegli un ascolto.

Aggiunto: July 4th 2006
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.accretions.com
Hits: 581
Lingua:

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest