Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Finlay ‘The Fall Of Mary’

(Fortuna Pop 2006)

Pur essendo londinesi nella loro scrittura non traspare niente di britannico. I Finlay infatti attingono a piene mani dal miglior alt-rock americano come Yo La Tengo, Sonic Youth, Built To Spill e soprattutto Pavement. Ascoltando tracce come This one si capisce come l’ex band di Malkmus sia ben più che una semplice influenza, a cominciare da quel cantato così slaker. Approccio lo-fi, melodie sghembe, code indie-rock da manuale e accelerazioni soniche danno forma a canzoni sapientemente costruite che mostrano un aspetto fragile ma che convincono sempre di più col crescere degli ascolti. Fuck honey e Hanging crowds ne sono un chiaro esempio. Ma anche tutti i restanti pezzi fanno di questo “The Fall Of Mary” un album che gira a meraviglia.
Ok, cose già dette e già sentite certo, però sempre belle da sentire, specialmente adesso che anche i Grandaddy si sono sciolti. Quindi pollice alto e poche storie…

Aggiunto: June 30th 2006
Recensore: Paolo Scortichini
Voto:
Link Correlati: fortunapop
Hits: 966
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest