Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Emily Hay / Marcos Fernandes ‘We Are’

(Public Eyesore 2005)

Emily Hay è una streghetta buona, Emily Hay è una streghetta cattiva cattivella.
Emily Hay è una bionda cantante, flautista, pianista; rompiscatole elettronica.
Chi si ricorda del suo precedente "Like Minds" saprà di cosa parlo.
Marcos Fernandes dal canto suo non è che sia di meno rompiscatole (fra breve tratteremo anche del suo nuovo lavoro in compagnia di Haco, Hans Fjellestad e Jacob Riis; promesso!).
Percussioni, field recordings ed elettronica stropicciata varia sono il suo pane quotidiano.
Entrambi gravitano nell'orbita del collettivo agitato californiano Trummerflora (procuratevi lo spettacolare "Rubble 1" su Accretions; per favore!) che raccoglie tutta una serie di scellerati artisti multi disciplinari parecchio scossi.
"We Are" rispetto al precedente lavoro della Hay è opera nettamente più sinistra e cupa, impro vocali e percussivi che puzzano di oriente lontano un miglio, ninna nanne mongole in libera uscita cubista, ectoplasmatiche lande di elettronica innervosita; planante e stonata dalle continue intrusioni acustiche.
A tratti sognante ed ammaliante, a tratti brutale e vizioso; un'ombrosa circolarità ad aleggiare sul tutto.
Lisle Ellis al basso (ammirevole!), Ellen Weller al sax ed al flauto e Al Scholl alla chitarra partecipano con sommo gaudio al generale sgretolamento neurale.
Impro mentalmente bombardata che scalcia ed avvince, farneticante e contorta a volte; ma lasciate che questi suoni spigolosi trovino la loro naturale collocazione.
Vi ritroverete tra le mani pezzi poco meno che splendidi da farvi emettere più di qualche grugnito di animalesca soddisfazione.
L'iniziale sciamanica We Are, la disastrata evocazione esoterica di Liturgy of Sound, Hibiki ed il suo giocare di rimbalzo, le pulsazioni elettroniche da dopo bomba di Emergence, la circolarità metallica cigolante miagolata in Late Night Call, i notturni scuotimenti jazz di Inside The Box(umori Slapp Happy al chiaro di luna), l'ottusità incubica di Pond (industrial jazz esoterico calpestato?); la sua gemella disturbata Belly Of The Craft (stordente!).
Cazzo!
Ho citato otto pezzi su dodici (e gli altri quattro non sono da meno degli altri)!
Che cosa vorrà dire?
Azzardo un'ipotesi.
Questo disco è bellissimo.
(Emily Hay; IO TI AMO!)

Aggiunto: June 15th 2006
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.publiceyesore.com
Hits: 807
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest