Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lokai ‘7 Million’

(Mosz 2005)

Florian Kmet e Stefan Németh hanno realizzato uno dei più bei dischi dell'anno.
In punta di piedi e senza troppo clamore.
Kmet dei due è il meno famoso, trascorsi rock ed un presente avant/impro chitarristico speso in collaborazioni con Wolfgang Mitterer, Gunter Schneider, Max Nagl, Franz Hautzinger, Martin Brandlmayr; Ludwig Bekic.
Di Németh (label boss della Mosz) credo sia sufficiente citare il suo far parte dei Radian ed il poco men che splendido "Die Instabilität der Symmetrie" del 2003 in compagnia di Dafeldecker/Brandlmayr/Siewert.
Un suono placido ed onirico (con spine sparse profumate) che si colloca nel mezzo del guado acustico/digitale, trentasette minuti e poco più assolutamente sublimi che riconciliano con la vita anche il più sconsolato degli ascoltatori.
Strutture granulari elettroniche solcate da chitarre azzurrissime tanto prossime al blues quanto allo sragionamento cinematografico (dalle parti di Paris,Texas più o meno, e sempre ad una visione rarefatta e sofferta torniamo; proprio come nel blues.).
Degli scatti angolari noise che inglobano sia le nubi dronate chitarristiche dei My Bloody Valentine che le stecche secche dei Neubauten.
Un groviglio di chitarre in arpeggio (spesso) oscuro e sottilmente dissonante che si apre su distese ambient solcate da feedback leggeri ed impalpabili; una delizia.
Sei combinazioni esplorative che il duo con imperturbata tranquillità porta avanti sino al culmine quasi erotico di Chuuk.
13 minuti di nuvole cariche di elettricità che si dissolvono all'orizzonte lasciandosi dietro un'eco filamentosa di feedback discendenti.
Tormentoso sogno post-coitale.
Assoluto amore a prima vista.

Aggiunto: May 9th 2006
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.mosz.org
Hits: 716
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest