Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Eco98 'Demo 1'

(Autoproduzione 2005)

Indie rock fresco, pimpante e ricco di sfaccettature quello degli Eco98, giovane formazione di Monza all'esordio autoprodotto, cinque soli i pezzi, ma sufficienti per farsi un'idea sul sound del gruppo: un volo dagli States all'Italia alternative dell'ultima decade, con sosta prolungata nel Regno Unito del brit rock.
Sul gradino più alto del podio senza dubbio Tirami i confini, basso pulsante in evidenza e chitarrina scarna alla White Stripes, ma l'arma in più è la voce, brillante, sicura negli alti e capace di valorizzare con linee melodiche non complesse ma mai banali dei testi niente male.
Stesso discorso per l'iniziale Apri la porta che entro anche se tu vuoi uscire, mentre Insipido, più cupa e acida (un qualcosa dei Queens of the Stone Age e degli Afterhours?), non convince in pieno in quanto incapace di assumere un'identità precisa: sembra di trovarsi di fronte a tre brani incastrati insieme di forza, un inutile e sprecato medley di tre brani singolarmente validi...cosa che non accade con la successiva A volte non so dove vado, settanta secondi di perfetta immediatezza pop rock, gli Altro da Pesaro insegnano.
Chiude il disco Mantra, un funky rallentato e sbilenco lontano parente dei Faith No More, forse povero proprio nelle linee vocali, monotone e eccessivamente lineari.
Cinque pezzi capaci di fondere discretamente e soprattutto in maniera originale l'indie rock statunitense, timbri di stampo brit (Placebo su tutti) e un sapiente uso della lingua italiana che in più di un episodio ricorda un qualcosa dei Bluvertigo; certo le ingenuità sono ancora molte, ma la stoffa c'è tutta e si sente... tutto sta nel cucirla al meglio.
Attesa vivamente la prossima prova.

Aggiunto: June 19th 2006
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: Eco98
Hits: 1044
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest