Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Disordered Systems 'Disordered Systems'

Se un tempo la musica d’avanguardia trovava facilità espressiva attraverso l’uso dei pianoforti (preparati), strumenti a fiati, il sax sopratutto, oggigiorno sembra essere la chitarra lo strumento preferito o comunque sempre più usato per meticolose e profonde immersioni nei meandri della ricerca sonora. L’austriaca ‘Durian’ non è nuova a produzioni del genere, dove la conduzione spetta unicamente ad un solo strumento che a sua volta assume l’aspetto di un vero e proprio ‘ensemble’ Disordered Systems è un progetto ideato e suonato da Barbara Romen e Gunter Schneider con Helmut Lachenmann solo in veste di compositore. Sfogliando il foglio informativo non può non saltare all’occhio il modo in cui viene presentato Salut for Caudewell di Lachenmann: come uno tra i pezzi scritti per chitarra più importanti del ventesimo secolo. Sinceramente lo trovo un tantino esagerato, senza voler togliere nulla alla composizione, abbastanza lineare e matematicamente unita nelle sue quattro parti. Credo che esistano opere più importanti o basilari per il secolo appena trascorso. Rimangono però affascinanti i suoni tagliati e sezionati degli armonici e la voce quasi recitante incastrata chirurgicamente fra una nota e l’altra (sembra di ascoltare qualche lontano pezzo di Klaus Shultze). Scorrendo i brani si arriva poi all’ascolto di Disordered Sistems, dove l’approccio musicale sembrerebbe cambiare di poco se non fosse che questo pezzo è stato composto per la bellezza (non dico bugie) di 13 chitarre, più che mai preparate e modificate nella propria essenza originale. Poco meno di 23 minuti di musica liricamente minimale dove la tensione sembra non avere nessun posto. Semplice e scorrevole come un ruscello d’alta montagna dove riflessione e meditazione sono le uniche emozioni esistenti.
Né un capolavoro, né uno di quei lavori che passa sotto voce. Semplicemente una breve vignetta di tre giovani musicisti.

Aggiunto: July 14th 2002
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Durian Records
Hits: 1120
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest