Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Feldmann ‘Watering Trees’

(Stoutmusic-Shinseiki/Audioglobe 2006)

I due musicisti catanesi Massimo Ferrarotto e Tazio Iacobacci hanno portato avanti negli anni carriere relativamente paragonabili: entrambi si sono occupati dell’aspetto percussivo di progetti “alternative-pop” – Massimo, che ha iniziato con Cesare Basile per poi collaborare con Paola Maugeri nei Puertorico e nei Loma - o “avant rock” – Tazio, già nei Keen Toy, ora Tellaro, con esperienze importanti in ambiti diversi – acquisendo esperienza e professionalità.
Nel loro progetto Feldmann i due si occupano un po’ di tutto, sotto la supervisione di Cesare Basile (che ha mixato le undici canzoni di “Watering Trees”, suonando la chitarra in A Cup Of Tea e Come Closer): scrivono, suonano, cantano, producono e registrano nello studio Zen Arcade, chiamando a raccolta i (pochi) ospiti atti alla bisogna. Si tratta infatti di musica raccolta, intimista, a bassa elettricità, sulla scia del recupero di certe sonorità acustiche che, negli ultimi cinque anni, discreta fortuna hanno avuto oltre Manica o oltre oceano (forse i due siciliani propendono per il Nord America: Bloos 354). Alcune ballate sono indubbiamente efficaci: l’iniziale, succitata A Cup Of Tea (con le chitarre di Basile e di Francesco Cantone e le accorate liriche di Ferrarotto); oppure Golden Ring, che condivide la malinconia quieta di altre esperienze italiane (i Lilli Burlero di “Aulacamera”, vicini anche a Black Eyes). Altri brani muovono da pulsioni maggiormente “indie”, tipo Come Closer, Like Jesus Said (qui c’è Marcello Caudullo al basso, come in The grass) o Queen Of Fools (Marcello Sorge alla batteria); Ferrarotto e Iacobacci hanno grande fiducia nel potere evocativo delle chitarre – Milena, The Grass - impastate di polvere, come da prammatica del genere. A Little Song For Aixa ricorda gli Wilco (Francesco Cantone mette la voce sullo sfondo, come aveva fatto in Bloos 354).

Contattateli presso info@feldmannsound.com;
se volete contattare la Stoutmusic potete “usare” alex@stoutmusic.com.

Aggiunto: May 6th 2006
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Feldmannsound
Hits: 1072
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest