Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dogme 95 'The Reagle Beagle'

(Empyrean Records/Wide 2006)

Nick Wright è Dogme 95, nome con chiari riferimenti all'idea di purezza (in quel caso cinematografica) rimarcata nelle cosiddette Regole Indiscutibili volute in primis dal duo VonTrier-Vinterberg, ed è un texano trasferitosi a Chicago. Questo è il suo secondo lavoro su lunga distanza ed è un album che dovrebbe/vorrebbe combinare narrativa, musica e cultura suonando futuristico e allo stesso tempo primitivo...vediamo se il buon texano ce la farà.
L'album è sorretto in lunga parte dalla chitarra acustica di Wright e da poco altro, infatti il nostro punta molto su delle semplici melodie vocali un po' stonate e primitive su cui costruire attorno il brano...qua e là affiorano dei tamburelli , degli effetti e la sua yamaha ps-1 ma l'intenzione è chiaramente quella di un minimalismo sonoro di stampo folk. Si lavora di sottrazione e i risultati in diversi casi sono soddisfacenti soprattutto nei brani più scanzonati.
A suo sfavore devo però rimarcare che il CD in questione ha una durata da Mini (solo 27 minuti di cui nove e passa per l'ultima canzone) e sebbene sia lampante che la qualità di un lavoro non si 'misura' dalla durata, si deve però sottolineare che il 'materiale' sonoro è abbastanza limitato.
Tra le canzoni più convincenti menzionerei There's A Land That We'Re Beyond ritmata filastrocca quasi a metà strada tra Devendra Banhart e Microphones e Salty Air And Devil's Toes che invece può ricordare Neutral Milk Hotel per briosità e leggerezza.
In Teach Me To Read O' Darwin una timida tastiera si fonde con la chitarra lambendo territori folk/progressive.
Si chiude con il lunghissimo pezzo finale da prima sussurrato e arpeggiato che rallenta fino quasi a 'spegnersi' per poi chiudersi con urla sguiate e atmosfera festosa.
In conclusione il tutto suona abbastanza bene ma i pezzi veramente molto buoni si fermano a quota quattro, il che è sinceramente un po' poco per spingermi oltre al..............

Aggiunto: May 4th 2006
Recensore: Luca Regolin
Voto:
Link Correlati: Dogme95 Homepage
Hits: 760
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest