Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Calomito 'Inaudito'

(Megaplomb / Wide 2005)

Non sarà proprio inaudito ma il disco dei Calomito, sestetto genovese attivo dal 1998 ma qui all’esordio sulla lunga distanza, è sicuramente qualcosa di insolito e affascinante.
Dotati di ottima tecnica e creatività compositiva e di una formazione eclettica (chitarra, batteria, basso elettrico, fender rhodes, contrabbasso, viola, sax alto e soprano e sintetizzatori) i Calomito in queste 8 tracce propongono un vero e proprio viaggio musicale (dati gli evidenti riferimenti geografici). Ad una impostazione chiaramente free jazz si sommano in modo impeccabile un approccio seventies che si concretizza in rimandi all’avanguardia canterburiana e al prog; qualche accenno fusion e influenze di musica etnica che spaziano fra malinconie klezmer e suggestioni balcaniche, arabe e mediterranee.
Davvero intriganti sono l’iniziale Collante, praticamente Evan Lurie che suona con una banda gitana, le melodie arabeggianti di Am Ha’ Aretz, la sinuosa Nascosto e l’elettro-jazz di Nautilus.

Aggiunto: May 28th 2006
Recensore: Rino Borselli
Voto:
Link Correlati: Calomito
Hits: 1005
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest