Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Danielson 'Ships'

(Secretly Canadian/Wide 2006)

Danielson č Daniel Smith ed assieme a fratelli,parenti ( ci sono ben 6- Sei! - Smith oltre a lui ) e amici (alcuni davvero molto noti: Sufjan Stevens e Why? su tutti) ha messo su questo folle collettivo alla ricerca della pop song perfetta.
Dopo l'esordio del 1995 e due concept album in fila ("Alpha" nel 98 e "Omega" nel 99) seguiti poi da "Fetch The Compass Kids", lavoro che celebrava la famiglia e "Brother Is To Son" che invece si occupava di identitā personale e della comunitā.
Adesso č la volta di "Ships" che esce su Secretly Canadian.
Come ingredienti ha messo un pout-pourri a volte anche sconclusionato e confuso, molta (forse troppa) carne al fuoco per un album che cerca spesso e volentieri la carta per stupire ma finisce per trovarla solo in alcuni casi.
Si parte bene con un primo pezzo convincente che sfiora Architecture in Helsinki da una parte e Rocky Horror Picture Show dall'altra. Cast it At The Setting Sail č un bel caleidoscopio di suoni con in primo piano tastierine e coretti post-adolescienziali e anche BloodBook On The Half Shell convince scanzonata fino a...
fino a dei vocalizzi che rimandano addirittura al terribile falsetto stile Darkness e poi chitarrine inutili, pezzi orchestrali senza arte nč parte che pregiudicano il risultato finale.
Comunque questo disco ha i numeri per rialzarsi (e anche per ricadere) e lo fa diverse volte nel corso di quarantadue minuti di musica.
Rimane l'ampissimo spettro di stili e registri che Daniel Smith riesce a immortalare nei suoi deliranti quadretti postmoderni riuscendo a dipingere undici canzoni in cui non č facile trovare un filo logico ma soltanto una buona dose di follia...alla fine rimane comunque un pizzico di perplessitā...
Geniaccio o cazzaro?
Facciamo una via di mezzo?

Aggiunto: April 21st 2006
Recensore: Luca Regolin
Voto:
Link Correlati: Danielson Home Page
Hits: 813
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest