Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Horse Stories 'Everyone's A Photographer'

(Loose Records /Wide 2006)

Terzo album per questi Horse Stories, trio australiano che dopo il debutto 'Travelling Mercies' e il seguente 'One Hundred Waves', si affida alle sapienti mani di Pall Jenkins dei Black Heart Procession, in veste di produttore.
I tre dopo un tour con Joanna Newsom e Hayden si sono rinchiusi in studio in quel di San Diego per realizzare questo lavoro inciso per Loose records.
(Too Many People Fall For The Same) Lies è un delicato pezzo folk-rock, tra i più sostenuti dell'album e, probabilmente uno dei migliori, che sul finale ha un giro di chitarra molto Cure era Faith-Pornography (vicino al plagio a dire il vero).
Firewall poggia su un riuscito incrocio di parti vocali che potrebbero richiamare i Low e parti chitarristiche Radiohead-primi lavori.The Wheels rimette subito il buon'umore ed è una tra le cose più pop dell'intero lotto assieme alla dolcissima You Explained Away Everythin in cui arpeggiate chitarre acustiche inseguono archi, fiati e pianoforte (finale con lacrimone assicurate).
Bloody Time Of The Year sembra un pezzo che i Wilco si sono dimenticati di mettere in "Yankee Hotel Foxtrot". In generale l'album è comunque molto orecchiabile, la produzione è davvero ottima e notevole la pulizia del suono.
I colori sono quelli tenui di un pastello, piccoli sussurati bozzetti malinconici for a lonely heart; magari a volte rischiano di sfiorare una 'mielosità' eccessiva (Follow the Thames, per esempio) però tutto sommato l'album 'regge' bene e può essere accostato a quello di colleghi più famosi (Low, appunto, qualcosa di Sparklehorse e Mercury Rev, nel pezzo finale ma non solo).
Piccola curiosità: Burke (il leader della band) ha collaborato col vecchio Pall alle riprese di un documentario.

Aggiunto: April 20th 2006
Recensore: Luca Regolin
Voto:
Link Correlati: Loosemusic Homepage
Hits: 873
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest