Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Entreat. 'Deincubation'

(Moonlee Records 2004)

Provengono dalla Slovenia gli Entreat. (ebbene sì, è scritto col punto finale), gruppo che ci propone l'ormai piuttosto familiare genere 'death metal/hardcore', di chiara provenienza Soilwork, In Flames più quella punta di At The Gates.
D'accordo, di band simili ce ne sono proprio tante ed è davvero difficile ritagliarsi uno spazio autonomo; purtroppo i cinque sloveni difficilmente riusciranno a farsi vedere con questo secondo lavoro, seguito del debutto "Shaded" uscito sotto la Choose Life Records.
Nonostante una presentazione più che buona e una produzione davvero notevole, opera di Alex Azzali, il materiale spesso non riesce ad andare al di là del 'già sentito'. Alcuni pezzi riescono comunque a rimanere piacevoli senza difficoltà, soprattutto l'iniziale Ride (Desperado) e The Salesman Of Dreams, ma generalmente gli Entreat. non riescono a rimanere granché impressi; poi i momenti tranquilli in cui il cantato di Patrik diventa pulito risultano vagamente sgradevoli (e il doppio eco in Non Plus Ultra di certo peggiora la situazione).
Intendiamoci, "Deincubation" non è un brutto album, ma per i fan del genere potrà al limite servire come passatempo disimpegnato, non certo da essenziale novità. Se i cinque sloveni vogliono davvero 'costruire sè stessi in uno spazio senza nessun punto di riferimento', ci vorrà maggiore pratica e la giusta dose di indipendenza.

Aggiunto: February 26th 2006
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage band
Hits: 946
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest