Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Cobra Killer & Kapajkos ‘Das Mondolinenorchester’

(Monika/Baked-Goods/Wide 2005)

Le Cobra Killer sono un duo femminile teutonico – Gina V. D’Orio e Annika Line Trost – usualmente incasellato nell’area “electro” che, per una particolare revisione del loro repertorio “di successo” (i loro pezzi forti Heavy Rotation, L.A. Shaker e Show Me Your Ruler ma non solo), in questo “Das Mondolinenorchester” collabora con la piccola orchestra Kapajkos. Una formazione, quest’ultima, che tiene fede al titolo del CD: infatti Ole Wulfers, Boris Jöns e Benjamin Staude suonano con abilità gli strumenti cordofoni a plettro della famiglia del liuto (ed il primo manipola per di più anche una “singing saw”). Tenendo conto che Oliver Kless percuote il “cajon” ed altri strani tamburi, non si vedono grandi punti di fruttuoso contatto tra i due gruppi.
Invece “Das Mondolinenorchester” funziona, perché comune pare l’indole caciarona e la tendenza ad andare sopra le righe: le voci strizzate delle due ragazze si accompagnano bene con i mandolini fumiganti dei Kapajkos. D’altronde, le melodie da sbarco sembrano una caratteristica primaria delle Cobra Killer (come le vandaliche The Stoker e Mund Auf Augen Zu (Stecker Raus Ich Dreh Durch), questa ultima spiritata fin dal titolo), che però non si negano qualche brano più scuro (tipo Ist Es Farbig?, così teutonico nel declamato) e “new wave” (High Is The Pine assomiglia molto a Golden Brown degli Stranglers e H-Man-A-Psychocat evoca fantasmi Modern Lovers), grazie alla cooperazione della parte modernista dei Kapajkos (Thorsten Schwarz alla “Midi Sound Keyboard” e Ronald Gonko al basso).

Per contattare la casa discografica: info@m-enterprise.de

Aggiunto: February 25th 2006
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: M-enterprise
Hits: 863
Lingua: arabic

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest