Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Henry Grimes Trio ‘Live At The Kerava Jazz Festival’

(Ayler/Ird 2005)

Dal nulla torna Henry Grimes.
Le orecchie ed i peli si rizzano.
Uno che ad un certo punto della vita, dopo essersi confrontato con i migliori jazzisti dei tempi (anni sessanta); ha deciso di scomparire per trenta anni dalle scene.
Uno che veniva considerato trai migliori bassisti allora in circolazione; uno dei più dotati.
Aveva venduto il suo strumento, aveva tagliato ogni ponte possibile; non sapeva neanche che Ayler fosse morto.
Poi il suo nome, improvviso; a Los Angeles.
Rintracciato da un'assistente sociale.
Una nutrita cerchia di musicisti lo adotta idealmente, lo incoraggia.
Poi arriva il tempo di New York; di un nuovo basso.
Quello che deve essere; è!
Registrato nel giugno 2004 durante il Kerava Jazz Festival che si svolge in Finlandia, l'Henry Grimes Trio si rivela entusiasmante macchina (free) jazz come poche volte è dato a sentire.
Ne fanno parte il batterista Hamid Drake ed il titanico incedere al sax tenore di David Murray.
Una fantastica incandescente colata lavica quella che si innesca fra i tre, uno sprizzare continuo di scintille; classe ed inventiva a profusione.
Ci si ritrova al cospetto di una visione / emanazione collegata direttamente ai vari Ayler, Sonny Rollins .
Tutto di una precisione chirurgica, i passaggi più complessi e collettivi; gli attimi solisti di una aurea di classicità commovente.
Una reale, entusiasmante; epifania sonora.
Il drumming spesso funk di Drake si scontra con i vibrati di Murray, a tenere il tutto unito ci pensano le agili linee melodiche di Grimes; capolavoro.
Lo stacco omicida del secondo brano, assolo travolgente di Drake e poi apertura a manetta di basso e sax ; la perfezione!
La perfetta interpretazione del verbo Ayler in apertura del terzo frammento, dedizione ed estasi; Dio sulla punta delle dita che suggerisce che tasti e corde e pelli strapazzare.
Quello che deve essere; è!
Trascendenza pura!
Uno che si era perso è si è ritrovato.
Induce a ringraziare tutte le divinità che si conoscono in ordine strettamente alfabetico.
Immenso!
The Naked Lunch!

Aggiunto: November 15th 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.ayler.com
Hits: 901
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest