Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lars-Göran Ulander Trio ‘Live At Glenn Miller Café’

(Ayler Records/Ird 2005)

Il Glenn Miller Café di Stoccolma è forse lo studio di registrazione preferito in casa Ayler Records, come dargli torto? Un club intimo, accogliente ed informale; luogo ideale per musicisti curiosi di passaggio. Questo live ne è la dimostrazione, una eccellente congiunzione artistica fra i tre Paal Nilssen-Love (batteria), Palle Danielsson (contrabbasso) e l'intestatario del progetto Lars-Göran Ulander (sax alto). Un'unione temporanea che si è tramutata in un più ampio tour con date europee a cavallo fra il 2005 ed il 2006. Questo la dice lunga sul grado di complicità esecutiva instauratosi fra i tre. Ulander è personaggio complesso, musicista raffinato, conduttore da più di 15 anni di un programma jazz alla radio svedese; promotore ed organizzatore. Uno che afferma di essere dedito a tempo pieno al suo lavoro radiofonico e di essere musicista nel tempo libero; beata innocenza! Fossero tutti di questo livello i musicisti part time. Si prova un briciolo di invidia per il pubblico presente nelle due serate che hanno generato questo lavoro. Stretti fra di loro con un muro alle spalle e la porta della cucina ad un passo (da foto di copertina), i tre simpatici figuri si cimentano in una settantina di minuti di furibonda materia jazz. Dentro ci trovate di tutto, accenni classicheggianti (bebop e swing incazzato), evoluzioni libere fra Ayler e Coleman, deragliamenti ritmici che si perdono nel buio interiore di Mingus (del quale rifanno un brano); un'apoteosi del buongusto praticamente. La presenza del più giovane Palle Nilssen-Love, conferisce poi al tutto, una propulsione ritmica moderna ed angolare che rende il complesso ancor più soddisfacente. L'unica cosa che dispiace è l'assenza da queste registrazioni della session finale con l'altro sassofonista Jonas Kullhammar. Peccato veniale comunque. Altamente consigliato.

Aggiunto: April 9th 2006
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Ayler Records
Hits: 893
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest