Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


David Monacchi 'Paesaggi Di Libero Ascolto'

(Ants Records/Silenzio Distribuzioni 2005)

Si sente spesso parlare, a vanvera per lo più, di design acustico. Addirittura negli ultimi due anni sono cominciate a nascere scuole di Design Acustico (vedi l’Istituto Europeo di Design) con sedi in molte parti d’Italia. Probabilmente solo perché legare la parola Design ad un ambito diverso da quello “industriale” significa aprire nuove entrate monetarie al mai sazio mercato del sapere, o forse perché più semplicemente “va di moda”. Il disco di cui vi vado a parlare, invece, non è di moda, non è new age, non ha nulla a che vedere con le musicoterapie per malattie inesistenti, non fa da “arredamento sonoro” a nessun centro termale e, per questo…è un’opera stupenda. Il lavoro di Monacchi coniuga in se la più “Schafferiana” capacità di indagine e di ricerca del “mondo sonoro” fino alla più artigianale e sopraffina elaborazione elettronica degli eventi acustici. I primi tre brani dei quattro che compongono il disco sono assolutamente “naturali”, “paesaggi sonori” non modificati elettronicamente. La Selva degli Orologi, Acqua, Ciclo Circadiano rappresentano la sintesi fra centinaia di registrazioni compiute da Monacchi nel corso di un intero quinquiennio che va dal 1990 al 1995. L’ultimo brano Intorno all’Origine è invece un’elaborazione elettronica volta, come specifica l’autore, ad “ esplorare il microcosmo interno ad una sola nota musicale”. Anche questo disco, così come quello di Albert Mayr ('Proposte Sonore') recensito qualche tempo fa , è accompagnato da un libretto ricchissimo di spiegazioni sull'opera e sull'arte dell’autore e soprattutto completato dalle partiture fenomenologiche e sonografiche di alcuni brani. È importante sottolineare la presenza di un corposo accompagnamento testuale perché pone in se l’esigenza “didattica e comunicativa” di portare all’ascolto di questo disco anche un pubblico di non addetti ai lavori, e questo almeno per me, è segno di grande maturità intellettuale ed artistica. Partecipare all’esperienza sonora messa in moto da Monacchi è uno dei migliori modi di scoprire un universo sonoro complesso ma incredibilmente affascinante. È Sound Design.

Aggiunto: March 26th 2006
Recensore: Riccardo Pallotto
Voto:
Link Correlati: Ants Records
Hits: 849
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest