Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Driving The Salt 'The Ghosts Stopped Watching'

(Striving For Togetherness Records 2004)

Oh, ogni tanto devo dire che fa piacere ricevere un bel po' di hardcore melodico vecchia scuola, pure se di origine teutonica. E' palese già dall'ascolto della prima canzone di "The Ghosts Stopped Watching", che i quattro tedeschi seguono la lezione Dischord abbastanza pedissequamente; non dimentichiamoci infatti il commento sociopolitico che fa da contorno alla mezz'ora dell'album.
Però ogni tanto riescono a imbroccare dei punti di vista originali, per esempio: "When I was growing up I was positive, happy, believing until I realized that there's something demonic in the clown's eyes and smile. That there's something behind trying to contact me, taking control of me".
Originale l'idea di 'rubare' alcuni stralci di testo da altri artisti ammirati dai quattro (Husker Du, A Chorus Of Disapproval), chiaramente dettata dalla passione e dall'ispirazione che ne hanno tratto. Un po' meno originali e apprezzati sono i soliti 'samples', presi da film e cose varie, inseriti qui e lì che costringono a skip che l'ascoltatore si sarebbe potuto ampiamente risparmiare; ma per fortuna vengono tenuti al minimo.
Dunque il materiale è generalmente più che discreto (soprattutto verso l'inizio con Aftertaste e Ghosts have stopped watching) e così anche la tecnica, peccato che però il tutto venga annacquato da una produzione proprio non adatta al materiale. La chitarra non è mixata a dovere e siede nel mezzo della produzione (quasi a voler dare un'illusione di sdoppiamento), spesso litigando con la voce che quindi ogni tanto non si sente; anche la batteria nel mezzo è piuttosto spenta e il basso ogni tanto assente.
E' chiaro che con una produzione più attenta e un materiale scelto con cura (sai, con i bambini), i Driving The Salt potrebbero far molto meglio, aspettiamo con ansia un seguito.

Aggiunto: January 5th 2006
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage Band
Hits: 908
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest