Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Miriodor ‘Parade’

(Cuneiform/Ird 2005)

Doppio cd che festeggia i 25 (!) anni di attività del gruppo canadese Miriodor, uno in studio ed uno dal vivo.
"Parade" lavora la materia sonora lungo coordinate memori dei passaggi strumentali di Rock In Opposition eliminando certi dettagli più rumoristi che si riscontravano nei gruppi europei dell'epoca, il live ci regala invece la performance tenuta per il NEARfest nel 2002.
Pregi e difetti tipici del genere ben presenti ed allineati.
Sempre tutti bravi, inventiva a 1000, soluzioni che piegano i polsi, grazie a Dio anche una vena giocherellona che fa capolino di tanto in tanto ad addolcire il tutto; però che fatica ad arrivare in fondo.
Ci sono episodi intrigantissimi come la obliqua Checkpoint Charlie dove i filamenti elettronici disturbanti di sottofondo rendono il tutto estremamente godibile, ma ogni tanto si sbroda via in angolature che fanno rizzare i capelli in testa letteralmente (la seguente Talrika ad esempio).
Perchè bisogna accumulare tutte queste note?
Perchè bisogna sempre rischiare il coma diabetico con queste note?
Un gruppo come gli Art Bears (tanto per citarne uno) era in grado di evitare abilmente la costipazione, perchè dover sempre dimostrare qualcosa?
Bravissimi quando vanno svagati su onde funk e accenni exotici, troppissimi quando cominciano a voler inzeppare di tutto in un unico brano.
Ci trovate dentro in ordine sparso: Van Der Graaf e Soft Machine, Henry Cow e Jean-Luc Ponty, atmosfere circensi ed atmosfere orientali; stacchi fusion e spaghetti western.
Qualcosa mi sfugge pure. Aggiungetelo tranquillamente voi quello che vi pare manchi.
Il live se possibile va oltre.
Io passo la mano.
Troppissimo per uno pigro come me.
Chi ama il prog e Zappa si faccia sotto, gli altri lo ascoltino almeno in parte prima dell'acquisto.

Aggiunto: October 7th 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.cuneiformrecords.com
Hits: 771
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest