Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bergman / Coxhill / Hession ‘Acts Of Love’

(Mutablemusic/Ird 2005)

Piace la presenza della parola Amore nel titolo di questo lavoro.
Amore passionale, movimento continuo ed elevazione, trascendenza ed applicazione, mai patetico; sempre fieramente combattivo.
Unione diabolica fra la tecnica pianistica stupefacente di Borah Bergman e la furia ammaliante della leggenda Lol Coxhill al sax soprano.
"Acts Of Love" impiega poche battute per aggiudicarsi la palma provvisoria di miglior uscita dell'anno in ambito improvvisativo.
Due uomini che parlano lo stesso linguaggio stilistico si ritrovano in uno studio di Leeds e coadiuvati dal drummer Paul Hession ci spiattellano 43 minuti di assoluto splendore.
Un rituale quasi, energie fisiche e mentali in perfetto equilibrio, furia e dissonanza, melodie cristalline e silenziosi incedere notturni; un sogno.
Senso del tempo in espansione, le linee pianistiche di Bergman spaziano in continuo cambio fra schemi blues e jazz evocando più di una volta l'arte di Bud Powell e Cecil Taylor, Coxhill da parte sua mette in fila struggenti filamenti Ayleriani ed accenni alla Sonny Rollins non tralasciando mai di inserire una sottile vena ironica.
Ovvio che in questa sarabanda armonica il povero Hession si muova sullo sfondo da comprimario, ma il suo approccio alla fine si rivela determinante bilanciando meticolosamente sfuriate violente e risonanti distese di cymbal come scuola Prevost insegna.
Ne viene fuori un affresco sonora dalle mille sfaccettature che si specchia nel pallido volto della luna, un lungo grido di amore stropicciato che risuona ancora a lungo nell'aria dopo l'ascolto.
Incantevole e conturbante prova di forza silenziosa e meditativa.
Uno dei dischi dell'anno.

Aggiunto: October 7th 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.mutablemusic.com
Hits: 813
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest