Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lebowski 'Per Lei (Giovanile Bellezza)'

(Autoproduzione 2005)

Che i Lebowski fossero migliorati rispetto a un anno fa lo si era capito da diverso tempo, basti pensare al concerto tenuto all'Officina Sociale Rebelde di Jesi alla fine della scorsa primavera, assieme alle Agatha, che aveva piacevolmente sorpreso un pò tutti... ma da qui ad aspettarsi un nuovo disco bello come quello che mi trovo tra le mani ce ne corre eccome.

Tutto quello che non andava nei lavori precedenti è stato perfezionato o alla peggio spazzato via, a partire da un cantato in italiano che, se per molte band può rappresentare un ottimo strumento per esprimere una propria personalità forte, ai Lebowski tarpava le ali; e via anche la convenzionale forma canzone, per far posto a strutture più ampie che scattano disinvolte da lande desolate di noia e depressione a rumorose esplosioni di isteria e rabbia; restano le sonorità noise, quelle sì, riconducibili in parte al solito filone Sonic Youth e parenti nostrani (l'incedere kuntziano di Singin' in rain distortion), ma cominciano a fare capolino anche sonorità parenti (lontani? vicini?) agli Arab on Radar, specie nelle splendide chitarre, sbilenche e acidule, di Simone e Riccardo (With Clave), e sprazzi sparsi di math/post rock rintracciabili nelle continue decostruzioni/ricostruzioni perpetuate non solo dalle sei corde ma anche dalla sezione ritmica, con basso e batteria capaci di metamorfosi improvvise ma senza disdegnare in potenza quando serve, sentire Friday Afternoon.
In questo nuovo contesto strumentale fatto di continua tensione latente pronta ad esplodere, anche la voce di Simone, a tratti allucinata e sonnolenta, a tratti furente, trova finalmente il suo habitat naturale, passando da semplice orpello sovrapposto alla musica a vero elemento funzionale del tutto, pur non disdegnando linee melodiche convenzionali.
Splendida la conclusiva Glassdome, l'equilibrio perfetto tra melodia e rumore.

La sensazione complessiva insomma è che con questi nuovi sei pezzi il gruppo abbia fatto un vero salto di qualità, trovando un sound e un'attitudine finalmente efficaci e convincenti in pieno: insomma, fortemente consigliati...


delirius@email.it

Aggiunto: December 4th 2005
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Hits: 1204
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest