Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


John Parish 'Once Upon A Little Time'

(Sony Bmg/Mescal 2005)

Una lieve introduzione pianistica apre il primo disco italiano di John Parish, almeno il primo in qualità di autore e compositore perché in veste di produttore si era già fatto le ossa nel belpaese con Cesare Basile e Nada. Lo spazio di poco più di un minuto ed ecco che il piano lascia il passo al lo-fi discreto e chitarristico di Boxers dove la voce del pluripremiato produttore e compositore è doppiata da Marta Collica. Prodotto dalla Mescal, 'Once upon a little time' è stato registrato da Marco Tagliola a Brescia, prima di un paio di trasferte di rifinitura a Bristol e Copenhagen. John Parish è comunque accompagnato da una band vera e propria: Marta Collica (tastiere, voce), Giorgia Poli (basso, voce) e Jean-Marc Butty (percussioni). Tra i pezzi migliori, Sea defences, che smuove le acque con un buon ritmo rock, la delicata Water road, strumentale, e Somebody else, unico pezzo non autografo, con una voce femminile in evidenza. Una curiosità: il titolo è ispirato da Hopey, la figlia più piccola dell’artista, frase che la bimba ripete stesso e che il babbo ha evidentemente apprezzato per la sua combinazione di “epico ed intimo che contiene”. 'Once upon a little time' succede degnamente al buon 'How animals move' del 2003. Lo stesso anno Parish ha prodotto 'Gran calavera elettrica' di Cesare Basile a Catania e 'Tutto l’amore che mi manca' di Nada a Roma. Per coloro che ne siano all’oscuro, il pedigree di Parish conta collaborazioni prestigiose con, tra gli altri, Hugo Race, Polly Jean Harvey, con cui ha collaborato nel celebrato 'To bring you my love', i Giant Sand, i 16 Horsepower e gli Eels.

Aggiunto: January 12th 2006
Recensore: Sergio Sparapani
Voto:
Link Correlati: Johnparish
Hits: 835
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest