Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mandarin Movie ‘Mandarin Movie’

(Aesthetics/Goodfellas 2005)

Rob Mazurek è stato uno degli alfieri del post rock e di certo jazz avantgarde con gli Isotope 217 ed il Chicago Underground Duo, adesso risiede in Brasile e si dedica alla creazione di ibridi sonori che alimentano più di una perplessità.
In questa occasione si accompagna con Alan Licht, Matt Lux, Steve Swell, Jason Ajemian e Frank Rosaly.
Questa la formazione base, tromba, chitarra, basso, trombone e batteria a cui poi si aggiungono gli apporti di John Herndon alla batteria (Tortoise), Rick Rizzo alla chitarra (Eleventh Dream Day), Mikael Jorgensen al computer (Wilco) e Jim Becker al banjo (Califone) che altro non fanno che aggiungere altra carne al fuoco in questa pantagruelica abbuffata.
Nulla da stupirsi se in presenza di cosi tanti ingredienti la portata base potrà risultare un pelino troppo saporita ed incolore.
Sembra di essere in presenza di una funesta riedizione di certe ammucchiate corali molto anni settanta, lo spettro dello status di super band zampilla da ogni nota; si ha un pò di paura al cospetto di tanto ben di Dio.
Ma in realtà di paura se ne prova poca o nulla, brividi sparsi idem.
Stacchi e pennellate rade, fioretto e sciabola, manganellate dure e secche e carezze morbide, cosa ci manca?
Poco o niente visto che in questo sbalestrato polpettone sonoro si tenta di accostare di tutto, jazz e sincopi hard fumiganti, andamento noir e stacchi funk, atmosfere orrendamente fusion e più decise rasoiate avant senza neanche tralasciare un pelo di noise a condire il tutto che fa sempre molto cool.
Non ci siamo proprio, pare di galleggiare a mezz'aria fra terra e cielo costantemente indecisi sulla direzione da prendere, si cade quasi costantemente nel sovrarrangiato palesemente bolso, paiono dei Colosseum senza fascino settanta, paiono una riedizione scipita di un Davis qualsiasi dell'ultimo periodo però in fase distratta; a tratti paiono un sol boccone di nulla.
Troppo troppo troppo, in tutti i sensi.
Favorisce l'aumento dello strato di adipe, pare un cd test per prove stereo intellettuali e sopratutto è gelido come la morte per la passione trasmessa.
Bravi senza ombra di dubbio.
Ci hanno convinto; ma questa non è un'audizione ed il povero ascoltatore i suoi soldini in fondo li scuce.
Rinfrescante come una doccia di sabbia nel deserto.

Aggiunto: August 3rd 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.aesthetics-usa.com
Hits: 985
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest