Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Buck's Boogie 'Movements'

(Autoproduzione 1990)

Formatasi alla fine del 1982 come tipica , risaputa hardcore band (all’inizio si chiamavano The SKULL, quindi CRY OF DEATH) , questa “storica” underground band di Macerata ampliò gradualmente i propri orizzonti sonori arrivando ad assemblare un repertorio, in numerosissimi gigs nel corso di tutti gli anni ’80, che mischiava indistintamente brani di MINK DE VILLE, SPRINGSTEEN, LOS LOBOS, ALARM, CLASH ecc. ecc. Dopo aver accumulato un’esperienza live oltremodo consistente in tutti i locali della zona (primo tra tutti il “Terminal Video-Gola"); nel 1990, finalmente, con l’arrivo di Tony C. (chitarra e voce) e di Cristiana (keyboards), la band decise di mutare il nome in BUCK’S BOOGIE e di registrare un demo-tape con brani composti in proprio. Il demo fu piuttosto apprezzato e in virtù della discreta accoglienza che ebbe anche a livello di critica la band potè partecipare ad “Arezzo Wave” e, l’anno successivo, a “Chianciano Rock”. Riascoltandolo oggi “Movements” è un buon lavoro di classico “american rock” o meglio di “roots rock” come lo si definiva alla metà degli anni ’80. In tracks come Silent Fears; From The Window e 1.000 Nights sono infatti evidentissimi a mio avviso i richiami a bands dell’epoca come BEAT FARMERS, PONTIAC BROTHERS e, soprattutto, al r’n’r ultraenergetico di quei DEL FUEGOS il cui lp “Boston, Mass. “ è ancora uno dei miei album preferiti del periodo. In episodi più “rilassati” come Moving Around The West e la countryeggiante Crossing The Country invece la band mi ha ricordato molto più da vicino i GREEN ON RED di “Gas, Food & Lodging” o certe cose dei LONG RYDERS. Unico difetto la pronuncia inglese non certo impeccabile. Coi tempi di “plastificazione” (dei cervelli e dei suoni)che corrono fa comunque piacere, ogni tanto, re-immergersi nel buon vecchio r’n’r come lo si intendeva tanto tempo fa quando eravamo tutti più ingenui e coglioni, credevamo che l’industria discografica fosse gestita da galantuomini ……..e ER Mutanda non esisteva ancora o, se esisteva, almeno non rompeva i COGLIONI!

Per contatti: lucy.marco@aliceposta.it

Aggiunto: December 11th 2005
Recensore: Michele Ballerini
Voto:
Hits: 1156
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest