Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Cobra Verde 'Copycat Killers'

(Scat / Revolver/Goodfellas 2005)

Kill the singer, save the song... ovvero giudicare quello che va giudicato, la canzone, entità astratta che trascende il singolo artista che l'ha prodotta o interpretata e che spesso è forte fonte di condizionamento per chi deve esprimere la propria opinione... chi di voi non ha mai comprato un disco realizzato da un nome altisonante sperando di andare a botta sicura, e invece si è ritrovato tra le mani una ciofeca pazzesca? Oppure magari ha snobbato un buon disco solo per il fatto che era intitolato a un artista, diciamo, commerciale?
E questo è un pò il senso che sta dietro al nuovo, curioso disco dei glam rockers Cobra Verde, interamente composto di cover dalla provenienza più disparata e talvolta impensabile: da Pink ai Rolling Stones, da Donna Summer a Leonard Cohen passando per Hawkind e Troogs, la band di Cleveland rielabora i brani originali dando loro di volta in volta un tono scanzonatamente power pop (la surfeggiante Underpants degli Easter Monkeys, Teenage Kicks degli Undertones e Yesterday's numbers dei Flamin' Groovies, densa anche di grezzo country rock) e più spesso garage: non difficilissimo del resto con delle bombe originali come Urban Guerrilla e I want you dei gruppi citati sopra, o ancora The dice man dei Fall (con una spruzzatina di Bo Diddley) o Rock and roll queen di Mott the Hoople... tutti brani poi nei quali, in pratica, i Cobra Verde giocano in casa.
Se convincono meno le scialbe riletture in chiave pop di Temptation (New Order) e So long, Marianne (Cohen), nelle quali sembra quasi di sentire gli U2 ultimo periodo, e non è proprio un complimento, le chicche vere e proprie sono la fumosa versione di Play with fire degli Stones (quasi un morfing sonoro tra Stooges e Giant Sand), la pseudo techno di I feel love (DonnaSummer...?!), che ricorda per l'atmosfera incantata The golden path dei fratelli chimici con le labbra fiammanti, ed infine, o meglio al'inizio, visto che apre il disco, la stupefacente Get the party started della sciaquetta dall'aria trendy-incazzata Pink (un bel paio di tette e nulla più), che alle prime note ci rimani un pò di stucco ma poi, sì, sì, è proprio lei, e non è affatto male dopo la cura Cobra Verde: come dire... kill the singer, save the song!

Aggiunto: July 6th 2005
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: COBRA VERDE
Hits: 1080
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest