Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mandragora 'Dietilamide Vintage In Lana Di Vetro'

(Stonature / Theremin Studio 2004)

Una dichiarazione d'amore al noise dei Sonic Youth e alle sue varie diramazioni nel corso degli anni Novanta: ecco la prima impressione che suscita l'ascolto di "Dietilamide vintage in lana di vetro" dei Mandragora (Caltanissetta), e non solo per la confessione esplicita di The history shown, nella quale la cantante del gruppo, Katia "Diamante" Rindone, recita a velocità sonica la biografia della band newyorkese sopra un tappeto di sonorità dissonanti alla Massimo Volume (quelli di "Stanze"); se nella strumentale Noisepiration le cupe distorsioni delle chitarre sono tenute a freno da una sezione ritmica quadrata e compatta (un pò ambient un pò post rock), in Seniles domina un'atmosfera trasognata e orientaleggiante che riporta a galla i Blonde Redhead di Harmony ("La mia vita violenta"), prima di un caotico finale i cui principali referenti sono ancora una volta Moore e soci.
Del tutto fuori luogo le sonorità industriali di Rck76, il risultato più interessante lo raggiungono con Familiares, un noise allucinato in cui spicca la voce limpida di Diamante, impegnata in un recitato spigoloso nato da un incrocio tra Mimì Clementi e Mara Redeghieri (Ustmamò); chiude la lunga X - stop, un basso cupo ad accompagnare le chitarre dedite a slide sbilenchi e instabili, fino al raggiungimento di una comoda melodia.
Anche se alcune soluzioni possono risultare interessanti, resta comunque evidente un certo disequilibrio dell'album nel suo insieme, specie tra i brani scritti da Diamante (Seniles e Kate), più melodici e soffusi, e quelli più aspri del chitarrista Janpaolo; non convincono poi le aperture elettroniche presenti in gran parte dei brani e certi stacchi netti e improvvisi (ad esempio le improvvisazioni dal sapore jazz nel finale di Kate), che risultano parecchio forzati e danno l'impressione che i Mandragora non siano ancora del tutto certi sulla strada da seguire.
Da segnalare l'artwork di Mirko Spino e le illustrazioni di Stefania Pedretti (Allun, OvO).

Aggiunto: July 1st 2005
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: THEREMIN STUDIO
Hits: 1069
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest