Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lali Puna ‘I Though I Was Over That’ (rare, remixed and b-sides)

(Morr Music / Baked Goods / Wide 2005)

Non si tratta del nuovo disco del pur prolifico duo tedesco, e lo si intuisce chiaramente anche dal titolo, bensì di una raccolta che, va detto sin da ora, vale almeno quanto un album di studio. I remix che i Lali Puna hanno realizzato in questi ultimi anni su brani altrui (artisti comunque musicalmente vicini), i remix dei loro brani e qualche pezzo che non è finito sui tre album e viene qua giustamente recuperato. Ma procediamo in ordine, o quasi.
The Failure Of The Leading Sign Industry è la prima traccia completamente inedita presente nel disco, materiale nuovo di zecca registrato nel 2005 che prosegue senza troppi scossoni il percorso sonoro ottimamente portato avanti dall’ultimo ‘Faking The Books’. Un po’ come per Past Machine, brano melanconico dedicato alla memoria di John Peel.
Together In Electric Dreams è un tuffo al cuore per chi ha seguito il nascere delle sonorità elettroniche e ricorda ancora l’originale di Giorgio Moroder, un doveroso tributo a uno dei maestri per tutto l’entourage Morr Music. Clear Cut ci fa riascoltare il suono del gruppo agli esordi, qua in collaborazione con Bomb The Bass in uno stile che ricorda da molto vicino il primo album ‘Tridecoder’
Jimmy Tamborello ricambia il favore dei Lali Puna per (This Is) The Dream Of Evan And Chan mettendo mani (e testa) sulla loro Faking The Books, ottimo risultato in entrambi i casi. Stesso identico discorso con i Two Lone Swordsmen, che si adoperano sulla splendida Nin-Com-Pop, mentre Trabeljahr e compagni giocano su It’s Not The Worst I’ve Looked in maniera tanto divertita da farla divenire quasi una loro traccia originale.
Suggestione, di straordinaria profondità e delicatezza, in pezzi che andrebbero accostati nell’ascolto agli originali per comprendere appieno la grazia che pervade ogni interpretazione. Non una singola smagliatura, nessun passo falso, a testimoniare la bontà della band tedesca e dell’operazione, una volta tanto, non di mera natura commerciale. Interessante, davvero.

Aggiunto: August 4th 2005
Recensore: raffaele natale
Voto:
Link Correlati: Morr Music
Hits: 826
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest