Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Elektronavn ‘A L’Inexistant Centre D’Un Espace Sans Forme/Audelà L’Inconnu’

(Autoproduzione 2005)

Elektronavn è una navicella temporale bucolico industriale con base in Danimarca.
Magnus Olsen Majmon ne è il principale responsabile.
Questo doppio cd è il terzo lavoro edito, per noi incauti ascoltatori rappresenta l'ennesima opportunità di confronto con una mente variamente sconnessa.
Un doppio cd è sempre qualcosa cui avvicinarsi con cautela, ricordarselo è spesso un bene prezioso.
Ibrido pauroso "A L'Inexistant..." si pone adeguatamente a cavallo fra pulsioni di matrice psichedelica rovinata e derive industriali casuali, dentro ci si può trovare parecchio materiale malsano (sopratutto nel primo cd) che trasforma l'ascolto spesso in noia e scivolo nell'ovvio incubo.
L'inizio è di quelli che ti respingono, glitch irritante, voci trovate, suoni febbricitanti sentiti un milione di altre volte, caos + confusione + ascoltatore che preferisce interrompere la seduta di estrazione carie; questo più o meno quello che se ne può ottenere.
Però, un paio di estratti presumibilmente live qualche dubbio lo insinuano girando intorno ad una forma di post punk nebuloso, una deriva sfatta di intuizioni This Heat o Swans prima maniera, una fioca luce che rende tollerabile l'approccio al secondo volume.
Con mano tremante si procede ed ecco la sorpresa.
Registrato sotto un tunnel cittadino il lungo brano si riempie di sfumature esoteriche ammalianti, una voce femminile operistica, field recordings minimi e cupi, corde sfiorate, propensione ad una certa estetica del vuoto; un'hurdy gurdy che detta la melodia. Affascinante.
Misterico, notturno ed inquieto, un dipanarsi di suggestioni fragranti che richiamano alla mente i percorsi obliqui dei primi Coil o dei Current 93 prima della svolta folk, deviazioni ellittiche brumose figlie dei Popol Vuh; sprazzi di mirabile geometria del nulla.
Le piccole diluizioni etniche, quel tono leggiadro da signori dei boschi, un'autentica sorpresa dopo il disastro del primo cd.
Però quanta confusione sembra regnare, potrebbe essere soltanto un caso fortuito e non una possibile (auspicabile) direzione futura.
Quindi per il momento paiono dei cittadini stanchi in fuga dallo stress cittadino e non ancora dei veri adoratori di Pan.
Un sei di fiducia lo strappano (4 al primo cd, 7 pieno al secondo; media stirata e ci siamo).
Noi in Italia abbiamo i Tasaday e gruppi come i Cccc Cnc Ncn o i F.A.R. che una cosa del genere la facevano (e la fanno) prima di fare colazione al mattino tanto per sgranchirsi i muscoli intorpiditi.
Applicare cautela.

Aggiunto: October 10th 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.123hjemmeside.dk/elektronavn
Hits: 1859
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest