Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Jade 'In Silence'

(About Rock 2005)

1. Song in A Minor 2. Acid Heart 3. Opera 4. Jean Jacques 5. In Silence 6. Love Paris 7. All The Flowers in the Sky 8. Sexton 9. You are 10. Daphne 11. Pleasant Whisper
Nel marzo 2001, nascono a Monfalcone i Jade, quartetto che fa dell’art-rock il proprio credo, dell’inglese il proprio idioma e di amicizie importanti il loro sostegno. Dopo un demo “Opera” datato 2001, varie partecipazioni a compilation più o meno importanti, esce “In Silence”, il primo ed effettivo lavoro per il quartetto. Il disco porta la super visione dell’etichetta About-rock, e il primo singolo estratto è Opera, brano in cui fa la sua comparsa la ben più nota concittadina, una certa Elisa. Il sound di questo gruppo è sicuramente di ispirazione britannica, ma quel sound che non fa di paielletes e lustrini il proprio segno di contraddistinzione, ma che fa dell’intimità la propria bandiera. I primi che mi vengono in mente sono i Muse, Radiohead, Snow Patrol, Starsailor. Ma le difficoltà di essere intrappolate in schemi predefiniti non tange il gruppo, infatti questo “In Silence” dona continuamente lucentezza ad un lavoro che consta di undici piccole gemme pop. Le chitarre tessono trame fitte, precise ed emozionanti; la sezione ritmica interviene e si amalgama perfettamente. L’unico neo viene dalla registrazione della voce, dove in alcuni punti è in maniera sfocata inspiegabilmente, in altri punti è rafforzata. Insomma, maggiore modulazione può rendere questo lavoro un esempio di come la musica italiana underground non sia in crisi. Ma affronteremo altre problematiche, l’unica cosa che mi sento di dire, è che questo lavoro è davvero ben fatto, curato e ammaliante. Non capisco se un’etichetta discografica debba vendere il lavoro di una band emergente a 15 euro, credo sia il caso di fare un’esame di coscienza e cercare di risolvere questo tipo di problematica, anche perché i Jade non meritano l’underground, anzi…

Aggiunto: July 2nd 2005
Recensore: Rocco D'Ammaro
Voto:
Link Correlati: www.about-rock.com
Hits: 1105
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest