Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Finnegans Wake ‘4 th’

(Carbon 7/ 2004)

Il gruppo belga Finnegans Wake taglia il traguardo del quarto album e lo celebra realizzando un pesante doppio cd.
La formazione si allarga a dismisura sino a 19 elementi che mettono un pelo di tutto in questo pachiderma multicolore.
Il primo cd risulta essere legato a doppio filo ad un prog barocco con sfumature vagamente jazz ed un'attitudine svisante riconducibile facilmente a certo hard rock, il secondo invece si innerva di brumose escursioni lungo territori più informali e sperimentali.
Piace nel primo caso la riuscita (parziale) fusione fra atmosfere sognanti degne di folletti saltellanti del sottobosco (folletti antichi) e progressioni più muscolose e distorte che vanno ad ispessire il risultato finale; piacciono non poco le divagazioni figlie di certo jazz canonico che si sporca con le istanze colte di scuola Henry Cow.
Il senso di classicità ottenuto dal gruppo convince (in parte) anche se certe fughe solistiche spesso paiono essere un pelo troppo bolse e solenni e vanno ad intaccare il clima da fiaba del grande nord che si viene a creare, di certi scatti fusion preferisco non parlare poichè sono la piaga costante che un certo genere si deve portare dietro come una pietra al collo.
Mi viene da chiedermi, ma non se ne potrebbe fare a meno di dover dimostrare in ogni occasione quanto si è bravi magari sfoltendo certi brani infiniti?
Non si potrebbe ogni tanto cercare di eliminare qualche progressione ed assolo antichi come il cucco per ottenere qualcosa di più godibile ed attuale anche da parte di chi non è addentro al genere?
Comunque il tutto scorre. Soprattutto durante le incursioni strumentali dove l'atteggiamento prog si sporca di stacchi cameristici dal forte odore orientale (la bella Fata Morgana a parte il titolo orrorifico).
Nel secondo cd invece le atmosfere abbastanza lineari del primo si innervano di scatti di archi, progressioni ombrose, atteggiamenti circensi, voci e vocine, maggiore cupezza generale; più zappiano ma senza ironia di fondo (la chitarra di Datcha ne è esempio terrificante).
Ok ragazzi ci avete convinto, ma il dono della sintesi sarebbe qualcosa da ricercare costantemente.
Avremmo a che fare con un ottimo cd singolo piuttosto che con un pesante mattoncino della Lego da ingoiare accompagnato da un sorso di barocco Assenzio.
Consigliato ai cultori del genere.

Aggiunto: June 3rd 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.carbon-7.com
Hits: 1064
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest