Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Charles Loos/Fred Wilbo ‘So Happy, The Curve’

(Carbon 7 2004)

Due pianisti belgi che si ritrovano alle prese con uno strepitoso piano restaurato del 1877.
Il primo a metterci le mani sopra è Fred Wilbo che crea quindici frammenti nell'agosto del 2002. Ad un anno di distanza l'invito viene esteso all'amico Charles Loos; altri quindici frammenti ed il gioco è fatto.
Ed è un gran bel giocare e sentire.
Fred Wilbo è il più giovane fra i due ed inanella una serie di composizioni classicheggianti che giocano a rimpiattino tra atmosfere filmiche e scatti più meditativi che spesso e volentieri sfociano in attimi realmente sublimi molto Satie. La più giovane età (ma il bagaglio professionale non lo è, piuttosto un veterano verrebbe da definirlo) spesso lo porta ad incrociare territori prossimi agli umori del più famoso Wim Mertens e questo non ci dispiace a patto che non si scada nella lacrima facile propria di certa new age (che è poi il rischio che si corre con prodotti del genere, attimi drammatici sotto ogni punto di vista). Però ogni rischio viene abilmente scongiurato in virtù di un'asciuttezza espressiva sobrissima che si accompagna ad una scrittura acuta e per nulla banale nela sua apparente semplicità.
Il sesto brano e l'ultimo (dove compare una voce femminile) sono assolutamente incantevoli, reale trasposizione delle brumose giornate invernali belghe.
Poesia filmica noir se si preferisce.
Charles Loos dal canto suo essendo un pelo più anziano e con una carriera invidiabile alle spalle (una trentina gli album incisi più o meno) si lascia andare a maggiori asperità di carattere sottilmente jazz che lo fanno preferire leggermente in virtù della maggior umoralità esposta.
Rimane presente e vibrante nell'aria il sentimento puro di due musicisti intimamente concentrati su di uno splendido strumento che risuona libero nell'ambiente.
Esprime gioia; pura ed assoluta.
Provatelo in una calda mattina estiva poco dopo l'alba, un bicchiere di the ghiacciato fra le mani ed uno Spillane aperto. Ne riparleremo....
Emotivamente l'assoluto contrario de "Il Cameraman e L'Assassino".

Aggiunto: June 2nd 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.carbon-7.com
Hits: 1011
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest