Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA.VV. 'From Outer Space To Inner Space'

(Kipple 2003)

La Kipple Officina Libraria, sia etichetta discografica che casa editrice specializzata in pubblicazioni di avanguardia futurista e di fantascienza, inaugura la collana denominata "Intonarumori" (come lo sfortunato strumento inventato da Luigi Russolo) nel 2003 con questa compilation che raccoglie artisti di varia nazionalità, tutti dediti a una sperimentazione nel campo dell'elettronica a 360 gradi, con risultati a volte tremendamente ostili altre più abbordabili: si passa così dalle sonorità minimali e frammentate di basse frequenze di Jonas Coshto alla psycho-techno del duo italiano F. I. A. T., dalla space-ambient ricca di liquidi inserti glitch di Krell al tribalismo sintetico dei newyorkesi Criterion e Doily; e nel mezzo il punk elettro-sovversivo della giovane italo-svizzera Violetta Beauregarde (esilaranti i titoli dei due brani presenti, No tits but a great personality e Sesso illustrato per Silvestrin), e ancora il giapponese Kenji Siratori (un Aphex Twin versione Come to Daddy rabbuonito), per concludere con un altro duo italiano chiamato Livido, autore di un'astrusa orazione dalla voce manipolata e accompagnata da una trama elementare di suoni elettronici, piuttosto inquietanti ed estremi; e a condire il tutto un'atmosfera industriale oscura e pesante, densa di presagi per un futuro completamente meccanizzato nemmeno poi tanto lontano.
Buona presentazione per un ensemble di artisti interessanti e particolari, un lavoro la cui pesantezza complessiva è smorzata proprio dalla varietà delle sonorità presenti, laddove una maggiore uniformità e ripetitività del suono sarebbe probabilmente stata fatale.

Aggiunto: May 17th 2005
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: KIPPLE OFFICINA LIBRARIA
Hits: 1237
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest