Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dakota Bus 'Panni Sporchi'

(Erasered Project Studio/2005)

Non pretendono molto questi Dakota. Pretendono solo di fare del buon rock’n roll e, ve l’assicuro, ci riescono alla grande. I quattro ragazzi maceratesi ci offrono un bel piattone a base di dieci canzoni nelle quali c’è un po’ di tutto quello che rimanda alle origini del rock. Si va dal country diE Un’altra Notte a pezzi di chiara ispirazione “Hendrixiana” come Vivere e Ridere, passando per il blues della traccia fantasma fino ad arrivare a sonorità più anni’90 alla Pearl Jam, come Attento.
La ciliegina sulla torta però i Dakota Bus ce la danno con L’outro, che, grazie alla voce strepitosa di un blues-man la cui identità è ancora sconosciuta, ci fa viaggiare fino alle bettole più remote dell’Illinois a bordo di un autobus targato…” Dakota”.
Molte sono le cose da apprezzare di questo quartetto: le chitarre di Stefano Giampieri (chitarra solista e cori), semplici ma di sicura efficacia, senza strafare e con ottime scelte; la voce di Luca Ballesi (chitarra ritmica e voce) potente e roca come insegnano i buoni e vecchi “Creedence”; il preciso basso di Valerio Lafontana (basso elettrico e cori) che supporta bene il resto del gruppo. Uniche pecche sono date dalla batteria da una parte, che con scelte superflue e poco decise a volte fa perdere potenza al gruppo, e dall’altra da alcuni vocalizzi un po’ troppo “alla Vasco” ai quali a volte si lascia andare il cantante (ma d’altronde un po’ del Blasco è in ognuno di noi…eeeeeeeeehhhhhhh).
Unico consiglio che posso dare ai nostri, è di diventare un po’ più aggressivi e di sporcare la loro sonorità, che non guasta mai. Insomma picciotti, bravi e continuate a roccheggiare.

Per contatti:stefanogiampieri@libero.it

Aggiunto: July 21st 2005
Recensore: Nicola Pallotto
Voto:
Hits: 1146
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest