Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Leslie Woods & The Dark Mountain Orchid 'The Luxury Of Sin' (+ Bonus Cd 'Velvet Skin')

(Glitterhouse / Venus 2005)

Cresciuta in Tennessee a razioni di honky tonk music e torte di mele, a Patsy Cline in breve la ragazza preferisce X e Gun Club spiaccicando le torte in faccia su babbo e nonno, bravi musicisti di bluegrass. Salvo poi tornare almeno parzialmente all’ovile come dimostrano le splendide melodie gothic country di questa sua seconda opera. Dei Sixteen Horsepower meno ombrosi e drammatici? Una Loretta Lynn in acido? Comunque sia i dodici (non undici come indicato nella track list) brani di “The Luxury Of Sin” ammaliano e conquistano grazie alla voce ipnotica e sensuale di Leslie Woods (autrice di tutte le liriche) e alla sommessa ritmica della sua Dark Mountain Orchid: chitarra, basso, batteria, tastiere in punta di dita e, of course, banjo. Voce dolente e sporca, chitarre liquide, l’ascolto di queste murder ballads è assolutamente consigliato a chi ama l’America rurale, Flannery O’ Connor, il noir e l’Appalachian gothic, qualsiasi cosa ciò voglia dire. Dall’iniziale Train (“”Train I ride where you going/You’re bound to New Orleans…”) alla tenue, sussurrata, I’m What, bluesata e chitarristica, fino alla stupenda Little Bit Of Me), è complicato restare indifferenti. Inutile evocare influenze e più illustri referenti, ce ne sono troppi, ma Leslie Woods ha una sua personalità e sentiremo ancora parlare di lei. Last but not least: al disco è allegata l’opera prima della Woods, “Velvet Sky” con tanto di packaging originale: di solo un pelo inferiore a “The Luxury Of Sin”.

Aggiunto: July 14th 2005
Recensore: Sergio Sparapani
Voto:
Link Correlati: Glitterhouse
Hits: 936
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest