Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Doctor Who ‘Sequence A’

(Autoproduzione 2005)

Doctor Who non è un pivello, agitato agitatore con la sua etichetta Idroscalo D'Autore ha dato alle stampe la pregevole compilation "Disco Compatto Numero Uno" che metteva in fila bei nomi come Justin Bennett, Maurizio Martusciello; Anton Nikkilä e molti altri esponenti noti e meno noti di certa elettronica espressionista che la dicono lunga sugli ipotetici punti di riferimento del curatore.
E poi ancor prima della svolta silenziosa ha prodotto e stampato vinile su vinile di techno da sbarco feroce e cattiva posta a mezza strada esatta fra forme aphexiane ed istanze da sballo vero e proprio più ortodosse.
Quindi a dispetto del nome è chiaro che non ci troviamo al cospetto di lounge o incredible strange music.
Per la sua prima uscita il Doctor si esibisce in un lungo numero che si muove circospetto ed acquatico fra derive di chiara matrice isolazionista (Köner e Lull dietro l'angolo ma con maggiore esibizione di muscoli), derive più prettamente industriali a mezza strada fra Zoviet France e Cranioclast ad inasprire il tutto ed un taglio post techno che per umoralità può essere facilmente accostabile al lavoro di Ikeda e Pan Sonic.
Materiali urticanti dunque che in questi (quasi) venti minuti si accendono ad intermittenza generando fin dall'inizio notevoli ammassi di nubi venefiche a solcare l'orizzonte, nella prima fase l'approccio è notevolmente fisico, ci si imbatte in scansioni digitali che sembrano voler essere sempre sul punto di tramutarsi in ritmiche squadrate ed invece annegano nella loro stessa eco, si incontrano muri di suono come folate di vento gelido che all'improvviso spazza tutto; scricchiolamenti e concretismi crudeli che sbilanciano ferocemente la materia verso una sorta di implosione neurale di notevole fascinazione.
Poi il bianco torpore si insinua in ogni dove, stiracchiamenti, forse voci lontane, tutto sfuma in profondità oceaniche gelide dove la calma apparente è continuamente interrotta dal passaggio di strani ed enormi pesci luminosi; bellissimo letteralmente.
Come guardare un piccolo fiore spuntare dalla parte delle radici.
Benvenuto...

Aggiunto: June 2nd 2005
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: -drwho-@libero.it
Hits: 1169
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest