Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Manuel Mota ‘Quartets’

(Headlights 2005)

Dopo aver riproposto alle cronache musicali di quest’ultimo decennio il magico savoir faire di una chitarra, astratta come il tocco di Derek Bailey, l’improvvisatore di Lisbona registra il quinto album della sua carriera.
Lo fa spiazzando e spostando il baricentro del suo interesse dal rapporto intimo con il solo strumento, fase espressiva principale di tutti i precedenti lavori, alla creazione di pezzi per quartetto. Un cambio di registro che funge da passo ben più importante nel quale Mota, agguantata la maturità, mette con dovizia in gioco la propria verve, facendo permeare la sua musica anche per mani che non siano le sue. Al proprio fianco l’immancabile collaboratrice Margarida Garcia, Fala Mariam e César Burrago, tutti alle prese con un’insolita combinazione strumentale: chitarra, contrabbasso elettrico, trombone e carillon (che tanto ruba la scena al ‘vecchio’ vibrafono). Nel complesso tutti i tratti del musicista: movenze surreali, lo sguardo introspettivo, la ricerca di una musica che scruti nelle profondità dell’anima, mediante tradizione e avant, sono riconoscibili nell’ascesa di “Quartets”. Volendo giocare nella ricerca di metafore, i quattro appaiono come una versione moderna e sperimentale dello storico Modern Jazz Quartet. Similitudine non nei suoni ma dentro la pacatezza con cui i componenti si uniscono e si avvicendano a colpi di improvvisazione. Briose istanze jazzy (Shield, Mean Dry Land), riflessioni notturne sospirate (Good Eve), il fascino nutrito per le particelle sciolte e discontinue (Deep in Your Face, A Blue Cross), dando rilevo ai minimi particolari (Quad, Closer). Balzando verso la fine non resta che dimenticare tutte le parole dette, potrebbero in un istante polverizzarsi e diventare fumo: l’ingegnosità, lo stile sfuggente e anarchico di queste improvvisazioni è difficile da descrivere in parole chiare e precise, che perdurino nel tempo. Ci interessa solo constatare ancora una volta l’indiscutibile qualità artistica di casa nell’artista iberico.

Aggiunto: April 24th 2005
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Headlights records
Hits: 1148
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest