Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Deep End ‘Kiss The Light Goodbye’

(Fratto 9 Under the Sky/Zahr 2004)

Una volta (tranquilli non è una favola) dopo un concerto in cui s’erano gagliardamente esibiti i Mogwai, sentì dire ad uno spettatore rimasto folgorato dal suono: “Non sono restati perchè dovevano prendere l’astronave per Marte!!!”. Questo aneddoto per dire che ascoltando 'Kiss The Light Goodbye', di presenze marziane ed extraterrestri se ne sentono e come; non raggiungono quei picchi di “violenza” ma compensano con un elettronica sapiente, la suite musicale dell’intero disco. Un altro aspetto importante è la presenza di ritmi poche volte mischiati al post-rock: New Gold Daymare, con un intro simile ad una connessione modem, è un esempio di come il dub incontra trame chitarristiche inedite e ne nasce un’ottima contaminazione; energia vitale per un genere altrimenti destinato, a detta di molto, a ripetersi sempre su se stesso. Dall’altro lato, pensando ad una canzone come C-floor, non possiamo non constatare l’evidente attaccamento alla “tradizione” del suddetto stile, ma non per questo valida dal punto di vista musicale, con un ottimo lavoro al basso che contrasta buoni riff di chitarra e voci aliene. Inoltre se Blade Runner avesse una visione musicale, questa sarebbe di certo Of Androids And Electric Sheeps; impressionante per come evoca quella sospesa ed evoluta civiltà, piena di macchine in realtà fragilissime e molto inquiete. Intrigante prova dopo 'Tsunami' (Love Boat Records 2001), in cui si allargano vedute e si maturano consapevolezze ed esperienze. Buon ascolto

Aggiunto: March 16th 2005
Recensore: Andrea Bontempo
Voto:
Link Correlati: http://www.deepend.info
Hits: 973
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest