Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Exend 's/t'

(autoprodotto 2004)

Le sei tracce del nuovo demo degli Exend si muovono sempre all'interno di quell'immaginario pentolone targato rock n' roll (o wave n' roll, garage rock, o indie/ new rock, o... come vi pare, talmente stra-abusati i nomi che ormai non significano più un cazzo), all'insegna di quel revival iniziato ormai da alcuni anni che ha, tra i suoi maggiori esponenti, i newyorkesi Strokes: a Casablancas e soci i nostri si avvicinano molto per il piglio annoiato e assente della voce, e, se vogliamo tornare un pò più indietro con gli anni, si può pensare a un J Mascis più intonato e meno depresso.
Musicalmente, ritmi più frenetici, come in Medicine man (splendide chitarra e batteria, il suono che pompa, un vero inno al movimento), Set for Noon (meno riuscita) e Spectrum (e qui il livello sale di nuovo), si affiancano a sonorità più rilassate, dove melodie dal sapore pop e noise che non sa di essere tale si amalgamano alla perfezione, strumenti di un'atmosfera allucinata e straniata, un pò come vedere il mondo da una boccia di vetro: ed è proprio in questi episodi che gli Exend danno il meglio di sè, basti sentire l'iniziale The River o She moves me (che si perde forse un poco nel finale); meno riuscita invece la sesta traccia, Waiting for questions, pregna di un'atmosfera cupa e pesante che stona col resto.
Manca forse un pizzico d'equilibrio tra le varie sfaccettature del suono e abbonda invece l'influenza, a tratti ben visibile, di gruppi d'oltreoceano e d'oltremanica; inoltre alcuni suoni mordono poco... ma probabilmente un maggiore impatto romperebbe questo splendido velo di noia esistenziale che degli Exend è la cosa che mi affascina di più.

Contatti: 3333768884 - Giuseppe

Aggiunto: February 2nd 2005
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Hits: 1974
Lingua:

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest